Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Comune fa scadere il progetto sull'anniversario del '68
Maresco: «Non c'è supporto dall'assessorato alla Cultura»

L'associazione Lumpen da tempo attende una risposta sul progetto, rimodulato dopo la prima scadenza, che riguarda il ricordo dello sbarco sulla luna. Il regista palermitano contesta «la sciatteria culturale» e «l'assenza di una reazione da parte della città»

Andrea Turco

Doveva essere un progetto culturale di ampio respiro sul 50esimo anniversario dal 1968. L'anno della rivoluzione, del tentativo di rovesciamento dello status quo da parte dei giovani di allora si riversò anche a Palermo. E segnò la storia del capoluogo siciliano, con legami ancora oggi evidenti. Una storia che l'associazione culturale Lumpen, il cui presidente è Francesco Guttuso, avrebbe voluto raccontare attraverso incontri dal vivo, proiezioni, dibattiti al cinema De Seta. E che però il Comune di Palermo non ha mai finanziato, facendo scadere l'anniversario. Ora quel progetto è in parte rimodulato, e si lega al 50esimo anniversario dello sbarco sulla luna, attraverso l'analisi di questo evento storico col cinema e la letteratura. Con la speranza che anche questa volta non si oltrepassi la naturale scadenza. Di questo passo si rischia che si arrivi a un altro progetto sul 50esimo anniversario del 1970. Un anno molto significativo per il capoluogo siciliano, d'altra parte.

«Fu in quell'anno che ci fu il festival musicale Palermo pop 70 che per un'estate trasformò la città in una sorta di piccola Woodstock. Io stesso ne ho accennato in alcuni miei lavori. Certo, fa sorridere che siamo partiti dal '68 e rischiamo di arrivare al '70 - dice il regista Franco Maresco, direttore artistico di LumpenSiamo di fronte a un grande bluff. Il problema è la non risposta da parte del Comune, nonostante il recente cambio di assessori alla Cultura. Il progetto sul '68 teneva conto delle utopie di quegli anni ma allo stesso tempo guardava al futuro. L'utopia al tempo della tecnologia, insomma, guardando all'intelligenza artificiale. Un progetto saltato che, faccio notare, è avvenuto nell'anno della celebrazione di Palermo come capitale della cultura. Noi comunque abbiamo aggiornato il progetto, partendo dallo sbarco della Luna che infrange in un certo senso il mito millenario della sua irraggiungibilità. Volevamo raccontare la luna nel suo significato simbolico e anche utopico e poetico, il racconto nella letteratura da Ariosto a Leopardi passando per la luna di Franco Scaldati». 

Difficile non notare come sul progetto del 50esimo anniversario della Luna Maresco parli già al passato, nonostante alla chiusura del 2019 manchino ancora più di sei mesi. «Siamo stati presi più volte per i fondelli - sospira il regista -  e più volte ci è stato detto che mancano i fondi. Anche ad inizio 2019 avevamo ripreso i contatti con l'allora assessore Andrea Cusumano. Ci aveva rassicurato, e invece poco dopo è andato via. Abbiamo incontrato il nuovo assessore (Adham Darawsha, ndr) poco tempo fa, e non sembra promettere nulla di buono. Non aveva ancora letto il nostro progetto, nonostante pure lui si sia prodigato nell'assicurare che risponde sempre a tutti. Finora invece  nulla. Se il buongiorno si vede dal mattino, rischiamo di andare sempre peggio. Di certo registriamo che fino a questo momento non c'è stato, al De Seta e ai Cantieri della Zisa, il supporto dell'assessorato alla Cultura. Che di questi posti è proprietario».

Qualche giorno fa l'associazione Lumpen in un post si era spinta ad affermare che «siamo in un deserto dei tartari». Mentre a gennaio Maresco, insieme ad Andrea Inzerillo (direttore del Sicilia Queer Festival), aveva scritto una lettera aperta alla giunta Orlando e alla città (pubblicata su Repubblica). Anche in questo caso però, a distanza di cinque mesi, non si è registrato alcun dibattito nonostante i problemi sollevati sulla gestione della cultura e sul ridimensionamento degli entusiasmi in merito alla presunta nuovo indirizzo culturale della città. «In altri tempi sindaco e assessore avrebbero risposto, fosse anche solo per educazione - fa notare Maresco - È stato Orlando stesso a dire più volte che non se ne fa niente degli amici e che vuole le critiche. Quando queste critiche arrivano poi non c'è la risposta. Ma quel che è peggio è che non ha risposto la città. Di fronte a questa inettitudine, a questa sciatteria culturale, non esiste una reazione da parte né dell'intellighenzia locale, né degli artisti né tantomeno dell'informazione. Ognuno prova a curare il particolare, il proprio orticello, non ci sono più reazioni comuni di fronte il potere inadempiente. Un abbandono e una forma di arroganza malgrado la narrazione che continua a fare Orlando e che a quanto pare viene molto apprezzata in Italia. Peccato che al termine della narrazione si aprano gli occhi e la realtà non sia così bella come viene raccontata». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.