Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Comune Corleone finanzia film sul delitto Mattarella
È polemica, sindaco: «Chi critica fa danno alla città»

Dall'opposizione c'è chi sostiene che l'iniziativa di Nicolosi non sia sostenibile dal punto di vista economico per una città che ha numerosi problemi quotidiani. Ma lui ribatte: «Bisogna intervenire sui problemi quotidiani ma anche sul cambio di mentalità»

Stefania Brusca

Foto di: Silvia Buffa

Foto di: Silvia Buffa

«Mi assumo tutta la responsabilità della decisione di sostenere la produzione del film su Mattarella. Chiedersi se il comune di Corleone parteciperà agli utili vuol dire non avere capito nulla del valore morale della scelta compiuta che colloca la nostra città all'interno di un grande percorso di cambiamento essenziale per la rinascita sociale ed economica della città». Con queste parole il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi ha rivendicato la scelta di finanziare il film scritto e diretto dallo scrittore e regista Aurelio Grimaldi. «Quanti si stanno accanendo contro la nostra scelta - aggiunge Nicolosi - non sanno il danno che stanno facendo alla città».

La cifra che verrà spesa dal Comune è di 15mila euro che diventano 25mila grazie al contributo di 5mila euro del Consorzio Sviluppo e Legalità e di altri 5mila euro da parte dell'Unione dei Comuni. «Non ci siamo mai posti il problema di un ritorno in termini di utilità materiale ma non c'è dubbio che ne avrà in termini di percezione del Comune all'esterno. Basta pensare che verrà proiettato alla mostra internazionale del Cinema di Venezia e nei titoli di testa del film ci sarà, accanto al ministero dei Beni culturali e a quello della Regione siciliana anche quello del Comune di Corleone. Già questo per noi è una cosa enorme. Questo è un film che illustra la figura di Piersanti Mattarella. Noi vogliamo essere tra quelli che vogliono celebrarlo come eroe civile e mettere alla gogna chi lo ha fatto ammazzare». 

Ma chi si oppone all'iniziativa del sindaco, il capogruppo del M5s in consiglio comunale Maurizio Pascucci in testa non ci sta perché sostiene che l'iniziativa non sia sostenibile dal punto di vista economico per la città. E in un post a firma Meetup M5s Corleone spiegano anche le proprie ragioni: «Al di là delle responsabilità che lei dichiara di assumersi, per una scelta che di privato non ha nulla, crediamo e siamo convinti che mai dovrebbe venir meno da parte del primo cittadino la condivisione - si legge su Facebook -. Un comune è una grande famiglia e in ogni famiglia si fa, se non quotidianamente ma periodicamente, il calcolo delle entrate e delle uscite per far si di non ritrovarsi senza la somma necessaria per poter pagare le bollette o poter comprare il materiale didattico necessario per i propri figli ecc... . Motivo per cui chiedersi e interrogarsi su quali saranno gli utili di un qualsiasi investimento diventa necessario e da persone oculate. La rinascita di Corleone sta a cuore ad ognuno di noi. Concordiamo con lei quando dice che non vi può essere rinascita se non partendo dal cambiamento. Ma valutare altre opzioni da cui far iniziare questo cambiamento no?».

E il sindaco rilancia:  «Il film verrà proiettato in anteprima nazionale a Venezia, a Roma e a Corleone. Il ritorno di immagine per la città è enorme, non è quantificabile. Qui bisogna intervenire sui problemi quotidiani ma anche sul cambio di mentalità, di cultura e sul cambio di percezione esterna di questa città. I benefici saranno enormi. Il senso di questa operazione è questo. Siamo onorati di avere ricevuto questa richiesta e non capisco le critiche che provengono dalla cosiddetta avanguardia». 

L'avanguardia a cui si riferisce Nicolosi è la stessa che ha proposto tempo fa Corleone come nuova Capitale italiana della Cultura: «Corleone ha mille ferite, tra cui la prima è quella di essere additata come paese di mafia - dice Nicolosi - i paesi evoluti culturalmente sono chiaramente quelli contro la criminalità organizzata, ma se ancora dobbiamo toglierci questa nomea di dosso, come facciamo a parlare di cultura? E poi quest'anno concorrevano Agrigento e Ragusa e sono state escluse, ieri ha ricevuto il titolo Palermo, non so se Corleone avrà mai le caratteristiche richieste. E poi gli investimenti che comporterebbe un'operazione del genere sono ingenti, si parla di milioni, e dove li prendiamo questi soldi? Perché non si mettono al lavoro per predisporsi all'evento. Quando saranno pronti presentino il progetto alla città e se credibile non mancherà il nostro sostegno».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×