Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Comune, Orlando presenta la nuova giunta 
«La responsabilità delle scelte è solo mia»

Una squadra più politica e meno tecnica, che dà spazio a espressioni dei gruppi consiliari a sostegno di Orlando, nonostante le dichiarazioni del sindaco che parla di un rilancio «politico ma non partitico»

Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

«La responsabilità delle scelte è mia e soltanto mia». Il sindaco Leoluca Orlando mette subito le mani avanti e dopo settimane di consultazioni e discussioni con le varie anime della maggioranza, che da tempo chiedeva un rilancio dell'azione di governo dell'amministrazione, presenta la nuova giunta. Più che un rimpasto una rivoluzione: cambiano sei assessori su otto. Una giunta più politica e meno tecnica, che dà spazio a espressioni dei gruppi consiliari a sostegno di Orlando, nonostante le dichiarazioni del sindaco che parla di un rilancio «politico ma non partitico». 

In carica restano solo Giovanna Marano alla scuola e alla Salute e Giuseppe Mattina, che mantiene la Cittadinanza sociale, ma vede, come anticipato da Orlando già settimane fa, la propria delega estendersi alla Dignità dell'abitare e ai rapporti con lo Iacp. Il nuovo vicesindaco sarà il braccio destro storico di Orlando, Fabio Giambrone, che prende le deleghe al Personale, alla Polizia municipale, è considerato espressione politica delle liste civiche che hanno sostenuto la candidatura del sindaco, così come il nuovo assessore alle Culture, Adham Darawasha, ex presidente della Consulta delle culture, che prende il posto di Andrea Cusumano in un assessorato tuttavia completamente rinnovato: «Col cambio di passo da Manifesta da capitale della Cultura a capitale delle culture», come detto dallo stesso primo cittadino. L'italo-palestinese si occuperà di tutte le consulte. Giusto Catania - Sinistra Comune - si riprende l'assessorato alla Mobilità e riceve anche la delega all'Ambiente, oltre a quelle al Piano regolatore e ai Rapporti funzionali con Rap e Amat. In giunta entra anche Leopoldo Piampiano, fortemente voluto da Sicilia Futura, alle Attività produttive e canile. Bilancio, patrimonio, tributi e cimiteri passano da Antonino Gentile a Roberto D’Agostino, tecnico in forte quota Pd, uomo vicino a Davide Faraone, «che ha un’esperienza pluridecennale di manager di aziende, cosa che aumenta la cifra politica». Infine le deleghe alle Infrastrutture, Edilizia privata, Protezione Civile, Amap e Amg energie, finiscono a Maria Prestigiacomo, attuale presidente dell'Amap. 

«La cifra politica si realizza attraverso la squadra - dice Orlando - una squadra che dà assoluta garanzia rispetto al futuro della città, questa è una giunta che dà una risposta alle esigenze della città pensando al presente avendo come obiettivo il futuro». Il sindaco ha poi voluto motivare le decisioni che hanno portato agli addii di buona parte della precedente rosa degli assessori. «Andrea Cusumano - spiega - ha fatto uno straordinario lavoro, si è messo nelle condizioni di licenziarsi, rinunciando a una cattedra di professore a Roma, per fare l'assessore senza contributi. Ho più volte ignorato le sue lettere di dimissioni, ma dato che la sua compagna aspetta un figlio, ha presentato la necessità di farsi da parte. Iolanda Riolo si è trovata prioettata in un ruolo che non conosceva e lo ha fatto per amore della città. Gentile ha fatto uno straordinario lavoro con riferimento ai disallineamenti e ai bilanci consolidati, che ha certamente dato un grande contributo per mettere in sicurezza le partecipate. Ha inoltre vinto a marzo un concorso da giudice tributario. Ugualmente importante l'apporto di Gaspare Nicotri».

E in conclusione, le parole più sentite Orlando le riserva ai due esclusi eccellenti: Marino e Arcuri. «Sergio Marino e Emilio Arcuri - dice ancora - non sono io che li ho esclusi, si sono esclusi da soli. L’hanno fatto per scelta politica, condividendo l’esigenza di tenere forti le diverse sensibilità presenti nella città. Emilio Arcuri è un pezzo della mia vita e Sergio Marino un pezzo fondamentale dell’amministrazione comunale: sono stati due vicesindaci a tutti gli effetti». Il sindaco mantiene per sé l'avvocatura e la delega allo Sport.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×