Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, ipotesi Honda a Termini Imerese
Fiom a Di Maio: «Opportunità per operai»

Redazione

La Fiom lancia un appello al vice premier Luigi Di Maio, che sabato sarà a Termini Imerese per la vertenza Blutec: «La scelta di Honda e Nissan di chiudere gli stabilimenti in Gran Bretagna per la Brexit può rappresentare una opportunità per noi e per il Paese: invitiamo il ministro a contattare le case giapponesi, la fabbrica di Termini Imerese, per dimensioni e collocazione strategica potrebbe rientrare nei piani di Honda e Nissan per continuare a investire Europa e in Italia, dove il mercato dell'auto elettrica è  vergine». 

Il segretario della Fiom in Sicilia, Roberto Mastrosimone, rilancia così la proposta fatta da Sicindustria che ha sollecitato il governo a tentare una interlocuzione con le due case giapponesi. «L'Italia è l'unico Paese dove c'è ancora il monopolio di Fca - afferma la Fiom - Aprire il mercato dell'auto in questo momento sarebbe strategico per le scelte industriali del governo facendo leva sulle agevolazioni europee per i produttori internazionali di auto. Chiediamo al ministro Di Maio ma anche al governo della Regione di unire le forze per provare questa strada, anche perché ricordo che per il rilancio di Termini Imerese ci sono 350 milioni di euro di fondi pubblici stanziati con l'accordo di programma quadro».

In Sicilia, insiste Mastrosimone, «proprio una norma del M5s inserita nella recente legge di stabilità prevede l'installazione di impianti di ricariche elettriche nei distributori, scelta che va nella direzione di sostenere l'auto elettrica che è il mercato del presente e del futuro». «Per caratteristiche infrastrutturali, per dimensioni con tre capannoni e posizione geografica la fabbrica di Termini Imerese - sostiene la Fiom - può rappresentare una opportunità per Honda e Nissan; gli impianti sono integri, nonostante la produzione sia ferma ormai da nove anni; c'è un indotto che si può recuperare e ci sono mille lavoratori che non aspettano altro che tornare a produrre».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×