Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Carini, secondo giorno di sciopero alla Sirti
Sit-in contro esuberi annunciati da azienda

Totale l'adesione dei 180 dipendenti, in presidio stamattina dalle 8 davanti ai cancelli. «Vigileremo affinché l'azienda non sostituisca i lavoratori in sciopero con gli operai del mondo dei subappalti» dichiarano i segretari Fiom Cgil Palermo

Redazione

Secondo giorno di sciopero davanti allo stabilimento della Sirti, nell'area industriale di Carini, contro gli esuberi annunciati dall'azienda nazionale di punta delle infrastrutture per telecomunicazioni e information technology. Totale l'adesione dei 180 dipendenti, in presidio stamattina dalle 8 davanti ai cancelli. «Vigileremo affinché l'azienda non sostituisca i lavoratori in sciopero con gli operai del mondo dei subappalti della Sirti, sarebbe una palese attività antisindacale - dichiarano i segretari Fiom Cgil Palermo Angela Biondi e Francesco Foti - Anche per questo nei prossimi giorni chiederemo ai lavoratori dei subappalti di aderire alla protesta».

Sono almeno 14 le aziende che operano in subappalto con Sirti, da Montel a Isetec, da Sitem a Faim alla Telma e alla Catania impianti etc. Intanto la riunione prevista in Assolombarda, che doveva essere domani, è stata rinviata a giovedì prossimo. E i sindacati nazionali sono in attesa della convocazione al Mise, al quale è stato chiesto di convocare un tavolo. La tensione tra i lavoratori è alta. «Altre volte nella nostra vita aziendale abbiamo vissuto momenti di preoccupazione simile ma un numero simile di esuberi non era stato mai dichiarato - dicono Giuseppe Romano e Francesco Agnello, Rsu Fiom, da 29 anni in Sirti - Sono tanti i colleghi che lavorano per questa azienda da più di vent'anni. Anche i modi oggi sono cambiati, il rapporto personale è quasi inesistente, ci sentiamo considerati numeri più che lavoratori».

L'azienda dichiara esuberi perché la mole di lavoro si è ridotta e in contrasto con questo continua con le esternalizzazioni. Un atteggiamento d'arroganza che non ci sta bene e che contrasteremo. C'è forte unità tra noi e tanta partecipazione, non solo a Palermo. È una lotta che sta coinvolgendo tutto il territorio nazionale. Gli esuberi riguardano il 23 per cento degli oltre 3.692 dipendenti. I licenziamenti toccheranno tutti i reparti ma a essere colpita maggiormente sarebbe la unit Telco. (reti di accesso, manutenzioni, radiomobili, reti civili e fibra).

Secondo le motivazioni dell'azienda, il mercato delle telecomunicazioni, che ha subito cambiamenti strutturali negli ultimi anni e sta a attraversando una fase di trasformazione a livello globale, che ha comportato per l'Italia una contrazione del giro d'affari, impone una progressiva riduzione del livello dei prezzi e lo spostamento degli investimenti verso soluzioni contraddistinte da un maggior grado di digitalizzazione. «Continueremo a opporci a questo piano di licenziamento collettivo- attaccano Biondi e Foti - l'azienda apra il confronto, il piano di trasformazione preveda la riqualificazione del personale. Quello che ci preoccupa di più, nella logica della riduzione dei prezzi, èl'uso selvaggio del subappalto e il tentativo di mettere contro i lavoratori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×