Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La rabbia di Pace dopo l'addio all'Orchestra Sinfonica
«La politica non guarda ai risultati, occupa solo posti»

È un fiume in piena l'ex sovrintendente, che a MeridioNews racconta il benservito da parte del governo Musumeci nonostante l'eccellente lavoro svolto. Dopo le duemila firme a suo sostegno, andrà a occupare un ruolo da dirigente al teatro San Carlo di Napoli. Guarda il video

Gaia Di Giorgio

Licenziato la vigilia di Natale, quattro mesi prima della scadenza del suo mandato. L’ex sovrintendente della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana Giorgio Pace ripensa ancora a quei momenti. E, con il governo Musumeci in difficoltà per l'approvazione del bilancio, difende il suo ruolo di professionista. L'esperienza come manager nello storico Teatro Massimo di Palermo è visibile nei numeri, anche se, come afferma, «i risultati ottenuti a poco sono serviti, basti guardare il risanamento dei debiti negli ultimi tre anni o il lancio dell’Orchestra Sinfonica Giovanile Siciliana». Il siluramento è arrivato come un lampo a ciel sereno, in un momento in cui il teatro stava godendo di una nuova luce, dopo le iniziative destinate anche a scuole e giovani.

Una scelta puramente politica, secondo Pace, che non lascia spazio né ai manager né a chi lavora per i risultati, ma che intende unicamente «occupare i posti di sottogoverno, situazione che coinvolge non solo i teatri ma anche enti e associazioni». Le università di Catania e Palermo avevano lanciato online una petizione dal titolo Giù le mani dalla Foss che era riuscita a raccogliere in pochi giorni più di duemila firme. L’ex direttore, analizzando l’operato dell’assessore al Turismo Sandro Pappalardo, si è soffermato sui tre decreti emanati e rivolti in un certo senso alla sua persona. 

Il primo risale al 12 dicembre con la nomina del commissario ad acta Giovanni Riggio, dipendente dell'assessorato al Turismo, impegnato a gestire l'ordinaria amministrazione. Il 21 dicembre un secondo decreto ha invece affidato a Riggio i poteri di un commissario straordinario, di competenza dell'assessore all'Economia e non di quello al Turismo, e infine il 24 dicembre scorso il terzo decreto che ha imposto a Riggio la cessazione del rapporto con il sovrintendente. La vicenda esplosa lo scorso mese era diventata un vero e proprio caso politico, oggetto di un'interrogazione parlamentare del Pd e del M5s all'Ars. L’accelerata sul cambio della guardia, quattro mesi prima della scadenza, era finita sul tavolo dei sindacati, secondo cui il consiglio d’amministrazione risultava inattivo e mancante di tre dei suoi membri su cinque.

Chiuso il capitolo palermitano, Pace andrà ad occupare il ruolo di dirigente Risorse Umane all’interno del Teatro San Carlo di Napoli, in cui lavorano 400 persone. «Mai cullarsi sui risultati ottenuti, la chiave è spingere fin dove si può e sfruttare tutte le risorse disponibili – prosegue Pace - cosa che era stata fatta anche a Palermo, ma che evidentemente non è servita secondo chi di dovere».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×