Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ex Provincia, dipendenti in assemblea a palazzo Comitini
Delusione per l'assenza di Orlando: «Siamo abbandonati»

Riuniti questo pomeriggio i lavoratori per il loro futuro e per la garanzia degli stipendi. I sindacati puntano il dito contro il sindaco, che ha disertato l'incontro e chiedono alla Regione di intervenire con la massima urgenza

Gaia Di Giorgio

Stipendi a rischio e dipendenti delle ex province in bilico, strade scollegate e difficilmente percorribili unite ad un’edilizia scolastica da dopoguerra. Sul piede di guerra i sindacati che si sono riuniti questo pomeriggio a Palazzo Comitini, sede della città metropolitana Palermo. La situazione dei liberi consorzi comunali e delle città metropolitane è quasi totalmente di pre-dissesto a causa dell’impossibilità di chiudere i bilanci di previsione 2018-2020. A livello regionale Solo Trapani e Agrigento hanno approvato il bilancio di previsione dell'anno scorso, mentre Siracusa ha già dichiarato il dissesto economico.

A preoccupare i dipendenti è chiaramente la situazione economico-finanziaria, principale punto all’ordine del giorno da discutere. Tra i nodi caldi e fortemente in crisi la situazione delle strade dell’Isola, mal collegate e obsolete e dell’edilizia scolastica, per nulla adeguata ai nuovi standard. Gli esponenti delle sigle sindacali presenti in sala Martorana hanno chiesto a gran voce una rimodulazione degli importi, da impiegare nelle zone di maggiore criticità. Cresce dunque l’attesa per le elezioni, prevista per giugno, ma di fatto i sindacati puntano il dito sulla gestione governativa, che tiene in bilico i lavoratori precari e annessi stipendi, chiedendo subito l’apertura di un tavolo sul tema.

Grande assente il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a capo di fatto della città metropolitana. «Siamo stati abbandonati» è la denuncia arrivata in sala da parte di un gruppo di lavoratori presenti. A manifestare amarezza anche le sigle CGIL Funzione Pubblica, Cisl Fp Palermo Trapani, Uil Fpl, Csa e Rsu che attraverso un comunicato congiunto dichiarano: «I lavoratori della città metropolitana di Palermo intendono denunciare la grave situazione finanziaria in cui versa ormai da anni questa Amministrazione e decidere le azioni da intraprendere. Con rammarico – proseguono i sindacati – in questo momento di estrema gravità, si evidenzia l’assenza del sindaco della città metropolitana e della parte pubblica che, seppur invitati in tempo, non hanno ritenuto partecipare e fornire il loro contributo. Nei giorni scorsi il governatore Musumeci aveva fissato un tavolo per lunedì prossimo, invitando senatori e deputati siciliani per trovare una soluzione di sostegno ai Liberi consorzi e alle Città metropolitane dell’Isola. “Enti ormai al collasso, con gravi ripercussioni sul piano non solo sociale. Occorre intervenire con la massima urgenza – aveva proseguito il presidente della Regione – per garantire parità di trattamento agli Enti di area vasta siciliani rispetto alle Province e Città metropolitane della Penisola, eliminando le storture causate dalla legislazione finanziaria nazionale in materia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×