Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Incertezza sul futuro, lavoratori Cambria in sciopero
Uiltucs: «Azienda scavalca organizzazioni sindacali»

Dopo l'assenza dell'azienda al tavolo del Mise, si fa sempre più complicata la vertenza che vede coinvolti circa 600 lavoratori tra Calabria e Sicilia. Sindacati: «Siamo di fronte a una situazione non trasparente, chiediamo un tavolo di monitoraggio»

Andrea Turco

«Ogni tanto si perde di vista l'empatia coi lavoratori e più in generale con le persone». Il commento di Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia, introduce la protesta dei lavoratori di questa mattina dello spaccio alimentare della distribuzione Cambria, in via Ugo La Malfa. Uno sciopero che giunge al culmine di una tensione lunga mesi: l'azienda - che opera tra Sicilia e Calabria coinvolgendo circa 600 tra lavoratori e lavoratrici - è infatti da tempo in una situazione critica, perché ha contratto un debito enorme nei confronti della società Sma, che fa parte del gruppo Auchan. La nota catena di supermercati sette mesi fa ha voluto recuperare il credito ma a quel punto si è innescato un meccanismo perverso, tra fornitori che lamentano di non essere pagati e la stessa Cambria che ha avviato a sua volta una richiesta di risarcimento danni nei confronti di Sma.

Una vicenda complicata, con l’azienda di distribuzione che non ha ancora predisposto il piano di risanamento del debito da depositare al Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, a seguito dell’istanza di concordato in bianco trasmessa lo scorso 10 ottobre. Dopo la prima scadenza non rispettata (il 31 gennaio), il tribunale ha concesso una proroga. Ma manca al momento l'accordo col maggior creditore, ovvero Sma. Col risultato che sono i lavoratori e le lavoratrici a subire le conseguenze di una situazione che i sindacati definiscono «non trasparente». Specie dopo l'assenza di Cambria al tavolo convocato al Ministero dello Sviluppo Economico il 12 febbraio: l'azienda ha spiegato che non si è presentata a Roma perché il clima si è esasperato.

«Ma è stato proprio il fatto che non si sia presentata a far scaldare gli animi - obietta Flauto - Il piano di ristrutturazione dell'azienda è ancora in fase di definizione, ma nel frattempo mancano le merci. I lavoratori dal 10 ottobre hanno perso una serie di diritti acquisiti, sono stati congelati gli stipendi arretrati e le quattordicesime, e al momento hanno ricevuto un acconto sullo stipendio di gennaio. Ma così non si può andare avanti: molti lavoratori hanno solo il proprio reddito in famiglia, altri hanno ricevuto un ordine di sfratto, altri ancora hanno il mutuo bloccato. Comprendiamo tutto ma è giusto che i lavoratori vengano pagati. D'altra parte qualche giorno fa l'azienda ha chiesto di firmare delle conciliazioni in bianco, che avrebbero comportato una rinuncia a una serie di diritti acquisiti, nei confronti di un imprenditore sconosciuto. Una decisione che scavalca i sindacati, col tentativo di allestire trattative individuali tra azienda e lavoratore».

In attesa di una possibile cassa integrazione per i lavoratori, che Cambria ha chiesto al ministero, resta la richiesta dei sindacati di un tavolo di monitoraggio sull'intera vicenda. Oltre che una convocazione dei sindacati da parte dell'azienda. «Fino a quel momento i lavoratori non demorderanno» conclude Flauto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×