Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, la protesta dei lavoratori si sposta al Comune
Sindacati: «Se serve, indosseremo i gilet gialli al Mise»

Dopo il sit-in di stamane davanti ai cancelli, le tute blu si sono trasferite in municipio contro il ritardo nella firma del decreto di finanziamento della cassa integrazione per il 2019 e per il mancato rispetto degli impegni per il rilancio dello stabilimento

Antonio Mercurio

Si trasferisce ancora una volta al Comune la protesta dei lavoratori Blutec e delle aziende dell’indotto che stamattina hanno presidiato i cancelli dello stabilimento di Termini Imerese. Come venerdì scorso, le tute blu occuperanno in maniera pacifica il municipio e poi si trasferiranno nell'aula consiliare, dove è prevista un'assemblea che vedrà anche una nutrita partecipazione dei sindaci del comprensorio, almeno una decina: tra questi Cerda, Trabia, Campofelice, Montemaggiore, Lascari, Caccamo, Ventimiglia, Cefalù e Aliminusa. L'obiettivo è preparare un documento, sottoscritto da tutti i primi cittadini e sindacati, da inviare al Mise con le richieste di un incontro immediato

Anche stamane, infatti la protesta è ripresa dalle 9.30, quando le tute blu si sono date appuntamento per manifestare contro il ritardo nella firma del decreto di finanziamento della cassa integrazione per il 2019, dopo l'accordo firmato il 7 gennaio scorso per i 564 operai Blutec e per quella in deroga per altri 300 dell'indotto. Ma tra le richieste, la più urgente riguarda il mancato rispetto degli impegni da parte di Blutec per il rilancio dello stabilimento, mai realmente decollato e che oggi coinvolge il futuro di mille persone e delle loro famiglie. 

Dalle 11 alle 13, inoltre, inoltre, hanno partecipato al sit-in anche i 130 lavoratori impegnati nel sito che hanno incrociato le braccia e raggiungendo i colleghi in cassa integrazione. La protesta è esplosa nei giorni scorsi, dopo che i ripetuti appelli dei sindacati, rivolto al governo nazionale di un incontro urgente ai ministeri del Lavoro e dello Sviluppo, sono caduti nel vuoto. «A seguito delle nostre richieste di un incontro, il governo continua a rimanere in silenzio - afferma Vincenzo Comella della Uilm Palermo - Se per parlare con il ministro Luigi Di Maio c’è bisogno di comprare i gilet gialli, noi siamo disposti a farlo visto l’assurdo silenzio che c’è intorno alla questione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×