Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Fognatura, presto un nuovo cantiere in centro città
La chiusura interesserà corso Scinà e piazza Sturzo

Per circa quattro mesi ci sarà una rivoluzione a tappe nella già provata viabilità tra il Politeama e Borgo Vecchio, a seguito dei necessari cantieri per l’ultimazione del sistema fognario Cala. Previste quattro fasi con chiusure parziali ed itinerari alternativi

Massimo Gucciardo

Si profila l’apertura di un nuovo cantiere in centro città, legato al potenziamento del sistema fognario Cala. Infatti è stata emessa un'ordinanza del servizio Trasporto pubblico di massa del Comune che chiuderà per alcune settimane - in vari step - una parte di corso Domenico Scinà, piazza Don Luigi Sturzo e via Roma, alle spalle del Politeama.

Il cantiere, che prevede quattro fasi, è necessario per posare una nuova porzione della condotta fognaria che - ad opere ultimate - porterà i reflui del porto industriale fino al depuratore di Acqua dei Corsari. Al momento sono attivi per lo stesso motivo altri lavori all’incrocio tra via Roma e via Francesco Guardione, tra quest’ultima e piazza XIII Vittime, tra via Crispi e via Fratelli Cianciolo, tra via Francesco Pasqualino e via Cantieri Navali, e in largo Giovanni Orcel (tutti pozzi di entrata/uscita della mini-Tbm), oltre che al Foro Italico (realizzazione della vasca di pioggia e l’impianto di sollevamento). Finora la conduttura è stata posata da un lato in buona parte dell’area portuale e fino a largo Edoardo Alfano (la piazza di Borgo Vecchio), dall’altro a partire dalla futura vasca del Foro Italico e fino alla connessione col tratto funzionante del collettore sud-orientale in via Giuseppe Pianell (zona corso dei Mille).

A partire dal 18 febbraio (e fino al 23 marzo) i lavoratori della società consortile La Cala srl (costituita dall’associazione temporanea di imprese Tecnis-Sikelia) saranno impegnati in corso Scinà, nel tratto compreso tra largo Alfano e via Bontà (escluse), con conseguente chiusura della strada e deviazione obbligata sulla angusta via Collegio di Maria al Borgo.

Nel secondo step gli operai si sposteranno nel tratto immediatamente successivo, ovvero la porzione di corso Scinà che dall’incrocio con via Bontà arriva a piazza Sturzo. Qui la chiusura si protrarrà dalla fine della fase precedente al 30 aprile. Ciò comporterà la temporanea inversione del senso di marcia (che diventerà quindi a salire) nel tratto del corso compreso tra largo Alfano e via Collegio di Maria al Borgo.

La terza fase riguarderà invece il lato mare di piazza Sturzo (quello dove insistono il casotto Amat e l’ufficio postale), con chiusura dell’area a valle dell’isola centrale (quella con la fermata dei bus) fino a metà dell’incrocio con via Benedetto Gravina, che sarà valida dalla fine della fase II e fino al 31 maggio.

L’ultima fase, infine, sarà la più complicata dal punto di vista delle interferenze col traffico veicolare, e si protrarrà dal termine dello step precedente fino al 22 giugno. In questo caso il cantiere farà chiudere la porzione di via Roma - anche se sarà lasciata sulla sinistra una corsia libera per il traffico veicolare - compresa tra via Emerico Amari (a partire da 25 metri dopo l’incrocio in direzione stadio) e la metà rimanente dell’incrocio con via Benedetto Gravina.

La contemporanea presenza del cantiere (area 5) dell’anello ferroviario in via Amari di certo complicherà i percorsi alternativi in zona. Tant'è che i residui 25 metri di via Roma fino all’incrocio con la stessa via Amari potranno essere oggetto di lavori solo quando saranno terminate le opere nella parte inferiore del cantiere dell’anello, e sarà quindi possibile ricongiungere i due tratti di via Principe di Scordia. All’incrocio Roma-Amari (o nelle immediate vicinanze) dovrà essere realizzato l’ultimo dei pozzi per l’entrata/uscita della mini-Tbm, in modo tale che si possa posare la conduttura fognaria sotto l’importante arteria stradale senza doverla chiudere al traffico. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×