Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Corleone capitale della cultura? La parola passa al Consiglio
M5s: «Pensiamo a un comitato promotore fatto dai cittadini»

Dalla proposta social del docente Biagio Cutropia a una convergenza politica che mette insieme maggioranza e minoranza. Lunedì' 11 febbraio arrivano in aula un ordine del giorno e una mozione per pressare l'amministrazione. «Vogliamo istituire una consulta»

Andrea Turco

Un ordine del giorno e una mozione, di cui si discuterà lunedì 11 febbraio. Con questi due atti il Consiglio comunale di Corleone rilancia la proposta di candidare la cittadina del palermitano a Capitale italiana della cultura per il 2022: quella che sembrava all'inizio poco più che una provocazione social da parte del docente Biagio Cutropia si è ben presto trasformata in un'indicazione politica che diventa ogni giorno più trasversale. L'ordine del giorno, a firma del presidente del consiglio comunale Pio Siragusa, è stato infatti sottoscritto da tutti i capigruppo, maggioranza e minoranza insieme, e potrebbe ottenere il voto unanime dell'aula. Almeno questo è l'auspicio.

«Il clima è abbastanza positivo, così come la proposta in sè che vuole coinvolgere chi tiene al paese e vuole offrire il proprio contributo - dice Siragusa - C'è comunque da aspettare che esca il bando, per capire se abbiamo i requisiti per partecipare. In ogni caso stiamo lavorando al regolamento per istituire una consulta della cultura, in modo tale da avere un organismo che possa dare un contributo, indipendentemente dall'esisto della candidatura. Corleone è ricca di arte e cultura, quello che ci interessa è fare venir fuori queste storie e allo stesso tempo coprire quella parte negativa della nostra storia che tutti conoscono».

La direzione insomma sembra tracciata. E fino a questo momento prevale la volontà di collaborazione. Ne è prova la quasi identica mozione dei 5stelle, che il capogruppo pentastellato Maurizio Pascucci ha presentato nei giorni scorsi, e che potrebbe pure essere ritirata per convergere su un documento comune. L'obiettivo in ogni caso è pressare un'amministrazione comunale che appare un po' scettica - come dichiarato dallo stesso sindaco Nicolò Nicolosi a MeridioNews, che preferirebbe candidare Corleone come borgo dei borghi. «Corleone non è un borgo - obietta Pascucci - la sensazione è che non voglia accettare la proposta perché non è la sua. C'è una questione formale e una sostanziale: quella formale è favorire l'abbattimento della nomea di Corleone come capitale della mafia, mentre quella sostanziale è che in occasione della candidatura potrebbero nascere nuove forme di aggregazioni istituzionali e territoriali, nuove professioni. Si potranno dunque coinvolgere artisti e intellettuali, per effettuare una ricognizione culturale. Per questo motivo pensiamo a un comitato promotore fatto dai cittadini. Finora il riscontro è positivo, ci sono persone anche non orientate politicamente che hanno manifestato entusiasmo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×