Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Palermo stecca ancora
Col Foggia è soltanto 0-0

Dopo le due sconfitte con Salernitana e Cremonese, il 2019 dei rosa continua a essere avaro di vittorie: non riescono ad avere la meglio sulla formazione pugliese, che strappa via un punto. La squadra di Stellone perde così la vetta della classifica

Luca Di Noto

Adesso è crisi nera: il Palermo stecca ancora e dopo i due ko consecutivi contro Salernitana e Cremonese non va oltre lo 0-0 contro un buon Foggia, che nel finale sfiora addirittura la vittoria. Per i rosa i numeri parlano chiaro: tre partite nel 2019 con un bottino di due sconfitte e un pareggio e con una sola rete realizzata e quattro incassate. Il problema è chiaramente lì davanti (la conferma è l’opaca prova di Puscas): se non si segna non si vince. Un cambio rispetto alla formazione annunciata da Stellone in conferenza, con Aleesami in panchina e Rispoli in campo (Salvi dirottato a sinistra).

La gara comincia sotto una pioggia fitta e il Palermo si rende subito pericoloso con un tentativo di Falletti su sponda di Puscas, palla alta. I rossoneri provano a rispondere, ma sono ancora i rosa ad affacciarsi in avanti sempre con Falletti, che scalda i guantoni di Leali. La prima azione degna di nota dei pugliesi arriva poco dopo il quarto d’ora con un traversone dalla destra che per poco Bellusci non devia in rete. Al 22’, i rosa subiscono un clamoroso contropiede: palla in avanti per Galano, inseguito in maniera vana da Murawski, ma l’attaccante foggiano, a tu per tu con Brignoli, spara incredibilmente alto. Il primo squillo di Puscas arriva alla mezz’ora, ma il colpo di testa del rumeno finisce a lato. Poco dopo, Jajalo spara alto dalla distanza. La gara vive una fase di stanca e il Palermo si riaffaccia dalle parti di Leali al 40’ con un sinistro di Trajkovski deviato in corner dal portiere. Rosa ancora pericolosi al 45’ con un colpo di testa di Bellusci respinto da Leali, poi Szyminski non riesce a ribadire in rete. Si va così all’intervallo sullo 0-0.

In avvio di ripresa (nessun cambio nelle due formazioni), Palermo subito pericoloso: cross di Trajkovski dalla destra e Puscas in spaccata, da due passi, manda altissimo. Poco dopo, attimi di paura per uno scontro tra Haas e Ngawa, con il foggiano costretto a uscire e il gioco fermo per diversi minuti (poco dopo uscirà anche il rosanero che andrà via in ambulanza). Foggia vicinissimo al vantaggio al 57’: cross dalla sinistra, Iemmello schiaccia di testa e Brignoli in tuffo mette in corner. A questo punto la gara diventa molto spezzettata e povera di occasioni, si lotta soprattutto a centrocampo e ci si affida a lanci lunghi che sono spesso imprecisi, così Stellone inserisce Cannavò per Falletti. Al 79’ ghiotta occasione per il Palermo: cross di Rispoli sui piedi di Puscas, l’attaccante si gira e spedisce alto. Poco dopo il rumeno si costruisce una buona occasione, entra in area e salta un difensore concludendo col sinistro, respinto però da Leali. L’arbitro concede sette minuti di recupero e al 92’ il Palermo rischia grosso: buco difensivo di Bellusci e Galano, da buona posizione, spara alle stelle. Pugliesi nuovamente pericolosi poco dopo con Iemmello, ma Brignoli respinge e poco dopo lo stesso attaccante sfiora la rete con un destro a giro e poco dopo arriva il triplice fischio finale.

TOP

Brignoli Sempre attento quando c’è da intervenire, salva i rosa con un grandissimo gesto tecnico al 57’ quando, con un colpo di reni, toglie dal “sette” un colpo di testa schiacciato di Iemmello destinato all’incrocio.

Szyminski Tra i migliori dei rosanero, praticamente mai una sbavatura da parte del difensore polacco, che talvolta ovvia a quelle dei compagni di reparto. Utile alla causa rosanero quando c’è da contrapporsi agli attacchi pugliesi.

FLOP

Haas Attimi di paura nel secondo tempo quando resta a terra per diversi minuti dopo uno scontro di testa con Ngawa, fortunatamente niente di grave anche se qualche minuto dopo lascia il campo in ambulanza. Lo svizzero per il resto si nota poco o nulla.

Trajkovski Più ombre che luci nella serata del macedone che prova a ispirare i compagni e a ispirarsi anche da solo, ma spesso perde malamente il pallone, calando addirittura con il passare dei minuti.

Puscas Fa vedere la prima vera e propria cosa buona della sua partita soltanto all’83’, con un sinistro respinto da Leali. Per il resto l’attaccante rumeno, cercato con più insistenza rispetto ad altre occasioni, sciupa tanto e getta alle ortiche diverse chances.

Palermo: Brignoli 7, Rispoli 6, Szyminski 6,5, Bellusci 6, Salvi 5,5, Murawski 6 (91’ Fiordilino s.v.), Jajalo 6,5, Haas 5 (65’ Chochev 5,5), Falletti 5,5 (78’ Cannavò s.v.), Trajkovski 5, Puscas 4,5. All. Stellone 5.

Foggia: Leali 6,5, Ngawa 6 (51’ Loiacono 6), Billong 6,5, Martinelli 6,5, Ranieri 6,5 (91’ Ingrosso s.v.), Gerbo 5,5, Greco 6, Kragl 5,5, Galano 5, Busellato 5,5 (83’ Agnelli s.v.), Iemmello 6. All. Padalino 6,5.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×