Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Zamparini ora non crede più negli inglesi
Ma è una scena già vista con Baccaglini

L'ex patron agli arresti domiciliari, temendo di essere stato raggirato, ha messo tutto in mano ai suoi avvocati per valutare la possibilità di una tentata truffa. La nuova società smentisce tutto con due comunicati ma intanto si fa ancora avanti l'imprenditore Raffaello Follieri per riaprire la trattativa.

Fabio Geraci

Foto di: U.S. Città di Palermo

Foto di: U.S. Città di Palermo

Alla fine anche Zamparini, agli arresti domiciliari nella sua villa in Friuli, non crede più agli inglesi. Temendo di essere stato preso in giro dalla cordata, l'ex (?) patron ha messo tutto in mano ai suoi avvocati per presentare una denuncia con l'ipotesi di tentata truffa. Una scena già vista. 

Senza andare troppo lontani con la memoria, il proprietario del Palermo - già con Baccaglini - aveva benedetto l'operazione nominandolo presidente per poi fare marcia indietro accusandolo di aver presentato documenti non in regola e quindi non poter acquistare il club rosanero. Anzi, in un comunicato, lo stesso Zamparini aveva dichiarato «di aver dato mandato ai propri legali per tutelare l'immagine e i rispettivi interessi presso le competenti sedi giudiziarie» e di sentire «il bisogno di porgere le proprie scuse ai tifosi e alla città di Palermo per avere in buona fede riposto la propria fiducia in soggetti rivelatisi inaffidabili, coinvolgendo anche le istituzioni pubbliche e i media in un progetto privo di alcuna consistenza». Proprio come adesso.

Nessuna novità, proprio come avevamo immaginato il giorno della prima conferenza stampa con Platt e compagni. La domanda, a questo punto, è d'obbligo. Ma com'è possibile che sia così facile acquistare un asset come il Palermo? Le verifiche patrimoniali, sulla solidità del gruppo e dei personaggi che gravitano attorno ad esso, non si fanno? Al di là delle chiacchiere vendute ai tifosi (che abboccano per troppo amore), che ruolo hanno il millantato stuolo di avvocati che dovrebbe fare la cosiddetta due diligence? In altre parole, l'approfondimento di informazioni in una trattativa, ovvero come dice Wikipedia «valutare la convenienza di un affare e di identificarne i rischi e i problemi connessi, sia per negoziare termini e condizioni del contratto, sia per predisporre adeguati strumenti di garanzia, di indennizzo o di risarcimento», per Zamparini e la società rosanero non vale? Insomma, tutto quello che è stato detto, è solo fumo negli occhi visto che pure la Guardia di Finanza sta indagando su un'ipotesi di fittizio passaggio delle azioni e sul ruolo del faccendiere Corrado Coen. 

Il Palermo «inglese» ha smentito ogni illazione con due comunicati stampa sul sito ufficiale garantendo solità economica e che ogni ritardo è fisiologico a causa dei tempi burocratici. Fatto sta che, entro il 16 febbraio, dovrebbero essere disponibili i famigerati 15 milioni per pagare gli stipendi, i contributi federali e per garantire la vita della società. Se non fosse così si rischierebbe addirittura la radiazione. Vedremo. Intanto la situazione del Palermo è sempre più nera. Zero punti in due partite, la concessione dello stadio in bilico con il sindaco Orlando che chiede chiarimenti e il direttore sportivo Foschi, a parole responsabile dell’area tecnica, ma di fatto impegnato a cercare finanziatori, messo in un angolo dall'attuale presidente rosanero Clive Richardson, che sui social ha ribadito di essere impegnato sul fronte sportivo (e non finanziario) e che a breve ci saranno importanti colpi di mercato. Invece di gettare acqua sul fuoco, sembra anzi che si faccia a gara per alimentare con la benzina una situazione che pian piano sembra degenerare. 

Per ultimo si profila all'orizzonte il ritorno di Raffaello Follieri che martedì prossimo dovrebbe essere in città per cercare di riaprire quella trattativa che lo stesso Zamparini aveva interrotto perché l'imprenditore non gli sembrava affidabile. Insomma un vero e proprio caos. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×