Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bagheria, «far west» nella guardia medica 
Aggredita e minacciata una dottoressa

Per fortuna il medico non ha riportato gravi conseguenze ma una sublussaziuone al pollice che dovrebbe guarire in due settimane. Dura presa di posizione della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti: «Il presidio è un posto di frontiera, chiediamo l'intervento della Regione e dell'azienda sanitaria locale»

Fabio Geraci

Ancora medici sotto assalto. Dopo lo stupro avvenuto due anni fa nella guardia medica di Trecastagni, la Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti ha denunciato un caso di aggressione fisica e verbale nei confronti di una dottoressa che stava svolgendo le sue normali ore lavorative nella sede di continuità assistenziale di Bagheria.

Il fatto è avvenuto lo scorso 26 gennaio ma è stato reso noto soltanto oggi, come riporta con dovizia di particolare il sito «La Voce di Bagheria» che indica la dottoressa Alessandra Pizzo come vittima dell'aggressione. «Intorno alle 19.30 una donna è entrata presso la struttura medica - racconta ancora sconvolta la dottoressa - inveendo contro di me perché, a suo dire, non stavo svolgendo il mio lavoro», ha raccontato. 

L'esito del confronto sarebbe stata una sublussazione del pollice che dovrebbe guarire almeno in due settimane. «La donna - ha dichiarato la dottoressa al sito  - si avvicinata a me, minacciandomi e dicendo che la prossima volta mi avrebbe picchiato e ha avvicinato le sue mani alla mia faccia. Così istintivamente, per protezione, ho alzato le mani per pararmi da eventuali colpi. La signora allora ha ben pensato di afferrarmi le mani con violenza, girandomi le dita». La situazione non è degenerata perché, presente in guardia medica, c'era il marito del medico che ha chiamato le forze dell'ordine intervenute prontamente. 

Dura la presa di posizione del segretario regionale della Federazione dei medici, Francesco Paolo Carollo: «È ormai prassi che i medici che svolgono il servizio di continuità assistenziale nel presidio di Bagheria ricevano giornalmente minacce verbali, ma questa volta siamo andati veramente oltre», dice chiamando in causa anche la Regione e l'azienda sanitaria locale. «Chiediamo che venga presa in considerazione l’ipotesi di un raddoppio di guardia dove un secondo medico permetterebbe sia di ridurre il carico lavorativo, sia di poter aumentare la sicurezza nel presidio. Ma anche la necessità immediata di una guardia giurata che metta in sicurezza il presidio che è un posto di frontiera».

Carollo, nel suo comunicato, ha anche messo in evidenza una serie di nefficienze dell’organizzazione dei servizi sul territorio. «I medici finiscono per essere i capri espiatori per l’elevata richiesta di intervento sanitario a fronte di un unico operatore sia durante le ore diurne che le ore notturne, arrivando anche a dover effettuare circa 50 prestazioni (tra visite ambulatoriali e domiciliari) in 12 ore. A questo punto ci domandiamo, se nell’Accordo Collettivo Nazionale è previsto un medico di guardia ogni 30.000 abitanti, perché nella città di Bagheria in cui si registrano circa 60.000 abitanti prende servizio un solo medico?», conclude il sindacalista. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×