Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

«A casa Orlando e il Comune venga commissariato»
Figuccia vs il sindaco per la bocciatura dei conti

Il primo cittadino attaccato dalle opposizioni per i rilievi del Mef. Questa volta a chiedere le dimissioni è un esponente dell'Udc a Sala delle Lapidi. Una situazione che lo vede tra problemi delle partecipate, numeri risicati in consiglio comunale e il nodo delle europee

Gaetano Càfici

«Comprendo che lo sport preferito di Orlando e dei suoi sia sempre quello di trovare un colpevole ma adesso abbiamo davvero superato ogni limite e gridare al complotto certamente non risolverà i problemi della nostra città».

È una Sabrina Figuccia agguerrita contro il primo cittadino di Palermo per la bocciatura dei conti del Comune da parte della Ragioneria dello Stato. Ieri, infatti, Orlando aveva inviato una nota in risposta ai rilievi del Mef, il ministero dell'Economia e delle Finanze con la quale bacchettava i funzionari del ministero: «Nel prendere atto dell'avvenuta accettazione di alcune nostre deduzioni - affermava il sindaco - non posso non registrare che in alcuni casi appare scarsa o nulla l'attenzione da parte del ministero alla documentazione e alle deduzioni dell'amministrazione comunale».

Quindi Orlando ha, di fatto, smentito quanto scritto dal Mef, anche se in parte, innescando una dura polemica con le opposizioni. E questa volta è toccato all'esponente Udc in consiglio comunale, Sabrina Figuccia, che si è detta «preoccupata perché se la Ragioneria dello Stato ha ritenuto superati solo otto rilievi su 46 e su tutto il resto ha chiesto nuovi documenti o ha addirittura sconfessato le argomentazioni addotte dal Comune, significa che il momento che sta vivendo Palazzo delle Aquile è grave, molto grave».

E poi l'affondo finale arrivando addirittura a chiedere le dimissioni del sindaco: «Se anche la Corte dei conti dovesse sentenziare che l’attuale situazione finanziaria è andata a gambe all'aria, allora credo che ci siano gli estremi per mandare a casa Orlando e i suoi e commissariare il Comune».

Una vicenda che senza dubbio mette in difficoltà il professore, che proprio in questi giorni ha dato vita ad una serie di incontri politici, con le forze di maggioranza, per dare slancio all'attività di giunta. Tradotto in parole semplici: l'avvio del tanto declamato rimpasto. Percorso che, adesso, inevitabilmente si complica. 

I problemi dei conti delle partecipate, i rilievi contabili contestati e le varie defezioni politiche in consiglio comunale, non gli fanno sicuramente dormire sonni tranquilli. Senza mettere in secondo piano l'appuntamento elettorale di maggio, leggasi europee, al quale Orlando dice di non essere assolutamente interessato. Ma non dimentichiamo quando nel 2012 sentenziò: «Ma come ve lo devo dire che non mi candido a sindaco...in aramaico?». E poi, invece, si candidò. 

Quindi il colpo di scena può sempre avvenire. Perché in politica mai dire mai. E il professore ci ha abituati a missioni al limite dell'impossibile.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×