Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mai lasciare il tubetto del dentifricio aperto
Il 44% dei palermitani si lascia per il disordine

La curiosa statistica esplora i motivi di litigio delle coppie che vivono in città. Tra le cause degli addii anche i lavori domestici lasciati a metà e chi non collabora nelle faccende di casa. Dalla ricerca, però, filtra uno spiraglio di luce: il 58% pensa che la cura di tutti i mali sia il dialogo.

Fabio Geraci

A Palermo il 44% delle separazioni è provocato dai disordine tra le quattro mure domestiche. La curiosa statistica è stata elaborata dall'Osservatorio di Sara Assicurazioni che ha stilato un'insolita graduatoria dei motivi di litigio delle coppie palermitane.

Si parte dal tubetto del dentifricio lasciato aperto alle luci accese in tutte le stanze fino ai piccoli lavori domestici lasciati a metà o fatti male: si discute per i piccoli gesti di tutti i giorni (47%), per visioni differenti sulla gestione della casa (43%) che presuppongano una decisione comune e anche per le faccende domestiche. Chi non collabora ha il 40% di probabilità di concludere la giornata con urla e strilli, il 22% non tollera la violazione della propria privacy e reclama i suoi spazi personali, mentre, per il 46% dei palermitani, rumori e musiche ad alto volume sono insopportabili. 

Secondo la ricerca, per il 58% la cura di tutti i mali è il dialogo; è il compromesso per il 50% degli intervistati; il 28% dei palermitani accetta il rimprovero e cerca di migliorare mentre il 25% pensa che sia necessario fare gesti gentili. Solo il 2% rientra nella categoria dei pessimisti cronici, di quelli che pensano che i rapporti non si risolvono mai pienamente.

La convivenza può essere messa a dura prova anche a causa dei rapporti con altri familiari, e non solamente con la suocera, come si potrebbe immaginare. Il 37%, infatti, ha ammesso di non essere disposto a convivere con altre persone della propria famiglia, senza fare distinzione tra genitori, fratelli o, appunto, suoceri. Il 25% sarebbe disposto ad ospitarli solo in casi di estrema necessità e, specialmente, solo per brevi periodi (12%), legati più che altro a difficoltà economiche o a problemi di salute.

E se parenti e amici abitassero lontano e volessero fare una bella sorpresa? Anche in questo caso, i palermitani non avrebbero dubbi. Dai risultati dello studio i palermitani non fanno distinzione tra parenti e amici: il 44% li ospiterebbe volentieri, ma solo per pochi giorni, mentre il 22% sarebbe ben contento di invitarli a pranzo o cena, a patto che a dormire vadano in albergo. Un altro 34%, infine, dichiara di essere disposto ad ospitare i parenti per tutto il tempo necessario, dimostrando di rimanere legato alla tradizione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×