Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Reset, concessi gli scatti di anzianità ma non basta
Sindacati: «Lavoratori stanchi di essere presi in giro»

Cgil, Cisl e Uil si dicono «sbigottiti e senza parole» dopo la notizia diffusa ieri. «Far passare per un grande risultato ciò che in realtà è il riconoscimento di un sacrosanto diritto contrattuale dei lavoratori significa volere sottovalutare e offendere la loro intelligenza» 

Stefania Brusca

Sulla vertenza Reset Comune e sindacati sono ai ferri corti. Non ha impressionato più di tanto i rappresentanti di categoria l'annuncio arrivato ieri sul riconoscimento degli scatti di anzianità ai 1400 lavoratori dell'azienda consortile che si occupa tra le attività di manutenzioni, verde, cimiteri e canile. «La notizia ci lascia sinceramente sbigottiti e senza parole. Far passare per un grande risultato ciò che in realtà è il riconoscimento di un sacrosanto diritto contrattuale dei lavoratori significa volere sottovalutare e offendere l'intelligenza di tutte le lavoratrici e lavoratori Reset, che dovrebbero pure ringraziare per ricevere ciò che è un semplice e scontato diritto. Come direbbe Totò, ma mi faccia il piacere!». Così i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, guidati da Monja Caiolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto, commentano le dichiarazioni rilasciate ieri dall’amministratore unico Antonio Perniciaro.

Al termine di un incontro tra lo stesso Perniciaro con il sindaco Orlando ieri è stato concordato che la Reset riconoscerà con decorrenza già dal mese di gennaio 2019, gli scatti di anzianità sia per gli operai che per gli impiegati come previsto dal CCNL di riferimento. «Questo avviene - ha affermato Perniciaro - in virtù delle analisi delle previsioni di Piano Triennale 2019/2021 della Reset e grazie ad un’attività congiunta con l’Amministrazione Comunale finalizzata a predisporre le necessarie azioni per garantire la stabilità e l’equilibrio economico finanziario della società». 

A preoccupare i sindacati però sono altre problematiche che da lungo tempo li vedono impegnati in un tira e molla con il Comune. «Riteniamo sia giusto e opportuno a questo punto – proseguono i sindacati- invocare l'intervento dell'amministrazione comunale affinché i lavoratori Reset non possano e non debbano più elemosinare il ripristino del tempo pieno e del giusto inquadramento, niente di più rispetto a ciò che prevedono accordi già sottoscritti e le previsioni del contratto nazionale, che vengono puntualmente marchiate da qualcuno come un qualcosa di impossibile da conquistare». 

Ultimo capitolo della vicenda, che ha fatto saltare sulla sedia i rappresentanti dei lavoratori, il rinvio al primo febbraio del tavolo sindacale. Per il momento restano sospesi i sit-in previsti per il 23 e 25 gennaio davanti a Palazzo delle Aquile, ma la protesta non si ferma: «I lavoratori sono stanchi di essere presi in giro - aggiungono i sindacati - e dal riscontro che quotidianamente registriamo da parte loro siamo convinti che se al prossimo incontro con il sindaco, fissato per giorno 1 febbraio, non avranno la certezza del riconoscimento dell'agognato full time e della pedissequa applicazione delle previsioni contrattuali assieme al sistema di welfare promesso e mai mantenuto, scenderanno tutti in piazza convinti che l'azione di sciopero sia ormai inevitabile».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×