Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Perché i senza tetto non vogliono andare al dormitorio
E con il Piano Povertà un milione di euro dalla Regione

Anche nelle notti più gelide chi vive per strada rifiuta questo supporto. «Vogliono restituita la dignità attraverso il lavoro» spiega una volontaria. Intanto dal governo Musumeci un supporto ai «Comuni per la costruzione di un sistema locale di contrasto alle varie forme di esclusione sociale»

Andrea Turco

Che fare quando chi vuoi aiutare rifiuta il tuo supporto? È una delle domande più ricorrenti che si pone chi a Palermo si occupa di offrire assistenza ai senza tetto. E, ricorrente come il freddo invernale e l'abusata parola emergenza per quello che invece è il normale alternarsi delle stagioni, una domanda più di tutte viene rivolta ai volontari e alle volontarie (nonché al Comune e alle associazioni): perché i senza dimora spesso rifiutano i dormitori della città? 

Neanche un mese fa in città sono stati inaugurati tre nuovi poli diurni e notturni. Le strutture sono piene, eppure sono tante le persone che vivono per strada e continuano a fare ostracismo quando gli si propone il dormitorio: ciò avviene anche nelle notti più gelide. Il primo motivo di rifiuto è quello dettato dal divieto di poter portare con sè gli animali, che diventano insostituibili compagni di viaggio. Ma non c'è solo questo. 

«Molti di loro non vogliono andare perché il dormitorio non è una soluzione - Lina Trimarchi, volontaria di Angeli della Notte- I senza dimora vogliono restituita la dignità attraverso il lavoro. E molti di loro hanno questa sorta di ribellione, rifiutando l'aiuto. Anche perché, vivendo per strada, non è facile poi convivere con altre persone in ambienti comuni. Vogliono la loro famiglia, rivorrebbero la propria vita. Non conoscono più le regole della convivenza: c'è chi non vuole lavarsi, chi non rinuncia a fumare in camera, chi non sa più autogestirsi o lo fa fin troppo».

A detta di tutti gli operatori, in ogni caso, il mantra resta quello del fare rete. Va in questa direzione anche il recente Piano regionale per la lotta alla povertà, approvato lo scorso 29 gennaio dalla giunta Musumeci e predisposto dall'assessorato alla Famiglia, alle Politiche sociali e al Lavoro. «Il Piano è uno strumento di programmazione dei servizi necessari per l'attuazione del reddito di inclusione (Rei) come livello essenziale delle prestazioni - ha commentato l'assessora Ippolito - e mira a supportare i Comuni e i distretti per la costruzione di un sistema locale di contrasto alle varie forme di povertà e di esclusione sociale, basato sull'attivazione delle risorse esistenti sul territorio. Prevista anche l'adozione di un sistema informativo e l'armonizzazione tra le misure del comparto sociale con quelle a carattere sanitario e le politiche del lavoro».

All'interno dei 42 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Siciliana, «un'ulteriore somma di 1.029.600 euro è assegnata a Palermo - si apprenda dalla misura - in qualità di Comune capoluogo di città metropolitana con più di mille senza fissa dimora». Sarà poi lo stesso Comune a scegliere poi come programmare tali risorse.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×