Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Decreto Sicurezza, per Orlando è un «insulto»
«Vado avanti, firmerò io iscrizioni all'anagrafe»

L'ennesimo affondo del sindaco che, nelle scorse settimane, ha inviato una direttiva agli uffici ordinando la sospensione dell’applicazione del decreto voluto dal leader del Carroccio: «Salvini non potrà dire che non sapeva genocidio»

Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

«Il decreto è sostanzialmente un insulto agli italiani, produce un clima di paura tra i dipendenti del Comune, e tra i migranti che si sentono improvvisamente franare il terreno sotto i piedi». È l'ennesimo affondo del sindaco di Palermo Leoluca Orlando contro il decreto Salvini. Il primo cittadino, nelle scorse settimane, ha inviato una direttiva agli uffici dell’anagrafe del capoluogo ordinando la sospensione dell’applicazione del decreto Sicurezza. Una mossa che ha creato non poco scompiglio tra il personale dell'ufficio, alimentando un'atmosfera di caos sfociato nel rifiuto netto ad istruire e protocollare le richieste giunte nel frattempo. 

«Nei giorni scorsi i dipendenti erano talmente preoccupati dal contesto che si sta costruendo - ha proseguito -, al punto di non voler consentire un’autorizzazione nonostante non fosse impedito dal decreto Salvini, ma noi andiamo avanti». Il professore non ha fatto mistero di voler superare l'ostacolo firmando di suo pugno le richieste, fino a oggi oltre un centinaio, ma quando? «Sono in corso le istruttorie - ha precisato - una volta terminate provvederò a firmare queste iscrizioni». 

Per Orlando, tuttavia, così si produce un effetto molto grave, «un clima di odio» nel quale si inserisce l’uccisione del sindaco di Danzica, Pawel Adamowicz, «con il quale insieme abbiamo testimoniato un bisogno di accoglienza. Il mio collega aveva pubblicamente dichiarato che tra l’esperienza palermitana e l’indicazione del suo governo, lui stava dalla parte di Palermo». Il tutto mentre ancora si cercano in mare i dispersi del naufragio della nave con a bordo decine di migranti, a largo delle coste di Tripoli: «Continua un genocidio, e al ministro Salvini direi: si farà un secondo processo di Norimberga, e lui non potrà dire che non sapeva». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×