Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo-Salernitana, amarcord e attualità
Arcoleo: «Conterà molto la brillantezza»

L'ex giocatore e allenatore rosanero si è pronunciato sulla gara odierna dopo avere fatto un tuffo nel passato e rivissuto i momenti relativi alla vittoria casalinga in rimonta contro i campani in occasione del primo appuntamento del nuovo anno nel campionato di B 1995/96

Antonio La Rosa

Foto di: Calcio Rosanero

Foto di: Calcio Rosanero

Gara casalinga contro la Salernitana al battesimo del nuovo anno. Per il Palermo si tratta di un déjà-vu. Anche nel campionato di serie B 1995/96 i rosanero inaugurarono il nuovo anno solare affrontando tra le mura amiche la compagine granata, sconfitta per 2-1 in virtù dei gol di Scarafoni e Caterino dopo il momentaneo vantaggio degli ospiti firmato Tudisco. Questa cartolina custodita nell’album dei ricordi può essere di buon auspicio per la formazione di Stellone capolista del torneo cadetto e, a proposito di primato in classifica, il successo datato 7 gennaio 1996 consentì ai rosa di piantare la propria bandierina in vetta a quota 28 punti in compagnia di Genoa e Pescara. Era il Palermo dei picciotti guidato da Ignazio Arcoleo: «Allenavo una squadra fortissima che faceva tremare tutte le avversarie di B – sottolinea il settantenne tecnico palermitano – l’ossatura era composta da giocatori di una certa esperienza come Berti, Biffi, Ferrara, Iachini e Di Già ma il resto dell’organico era formato da giovani palermitani. Quella sfida con la Salernitana alla Favorita fu una partita dai due volti: primo tempo tutto dei campani che avrebbero potuto realizzare più reti dopo il gol del vantaggio e secondo tempo appannaggio del Palermo che riuscì poi a vincere in rimonta. Le due compagini si affrontarono a viso aperto e crearono tante occasioni fino a quando non finirono le risorse».

La collocazione temporale della gara odierna non è l’unica analogia tra l’attualità e quella squadra autoctona targata Arcoleo. Un altro punto di contatto è la continuità. Una serie utile che con Stellone dura da tredici partite e che ventitré anni fa in campionato si fermò a undici gare con la sconfitta (1-0) rimediata a Marassi contro il Genoa. I risultati utili, in generale, furono in realtà quattordici contando anche le vittorie in Coppa Italia contro Acireale, Parma e Vicenza: «C’era il rischio, con gli impegni infrasettimanali di Coppa, di arrivare scarichi la domenica in campionato e invece riuscimmo a mantenere un buon ritmo. In ogni caso, mi auguro che Stellone possa superare il record e rimanere imbattuto per tutto il girone di ritorno. Significherebbe vincere il campionato». Traguardo da raggiungere step by step come direbbero gli inglesi…Edificio che va costruito con gradualità e il match in programma questa sera, in caso di vittoria, potrebbe rappresentare per i rosanero uno di quei mattoncini funzionali in ottica futura al completamento dell’opera.

La sfida di oggi, tuttavia, nasconde più di un’insidia. La condizione psico-fisica del gruppo dopo una sosta di circa venti giorni, ad esempio, è in relazione all’appuntamento di questa sera un punto interrogativo: «Durante la pausa e dopo alcuni giorni di vacanza, le squadre hanno fatto una mini-preparazione – osserva l’ex giocatore e allenatore rosanero, in panchina a Palermo nel 1995/96 e per trenta giornate del 1996/97 tra i cadetti e, da subentrato, per un’ampia fetta del campionato 1997/98 in C1 – avrà un vantaggio la compagine che in campo giocherà con maggiore intensità. La brillantezza sarà un aspetto molto importante». E a proposito di incognite, il campo dirà più tardi se il Palermo è riuscito ad isolarsi dalle recenti turbolenze sul fronte societario che hanno coinvolto in prima persona il direttore dell’area tecnica Rino Foschi: «Al termine della stagione si tireranno le somme ma, allo stato attuale, spero per il club e per il bene di tutti che la parte tecnica non venga toccata e che Foschi possa proseguire tranquillamente il suo lavoro. Le risposte della gente? I tifosi piano piano stanno tornando allo stadio e mi auguro nel girone di ritorno di vedere una partecipazione del pubblico sempre più grande».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×