Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Aumentano precipitazioni ma invasi non si riempiono
«Nessuna emergenza, piogge a macchia di leopardo»

Un fenomeno in parte dovuto alla scarsa quantità d'acqua caduta nella prima metà del mese a fronte di un numero di giorni piovosi ben superiore alla media. Se questo trend sarà confermato nei prossimi mesi la crisi idrica paventata lo scorso anno non ci sarà

Antonio Mercurio

Il nuovo anno si è aperto all'insegna del maltempo con rovesci quasi giornalieri, ma gli invasi si sono riempiti solo per metà. Un fenomeno in parte dovuto alla scarsa quantità d'acqua caduta nella prima metà del mese, circa 70 millimetri, a fronte di un numero di giorni piovosi ben superiore alla media. La buona notizia è che se questo trend sarà confermato anche nei prossimi mesi l'emergenza idrica temuta lo scorso anno nel 2019 non si verificherà. I fenomeni più intensi si sono registrati nella zona montana a Monreale, Giacalone e Piana degli Albanesi, ma mai con quantitativi eccezionali. E solo due dei quattro invasi che riforniscono Palermo e provincia, infatti, hanno raggiunto il livello massimo ma, per motivi di sicurezza, in parte sono stati svuotati. Si tratta dello Scanzano e del Rosamarina attualmente rispettivamente al 42,78 e 70,06 per cento. A impensierire, semmai, sono i bacini di Piana degli Albanesi e il Poma (al 41,63 e 58,98 per cento), che «non hanno raggiunto buoni livelli», conferma la presidente dell'Amap Maria Prestigiacomo: «Per carità quest'anno non ci saranno problemi, ma questi due invasi non si stanno riempendo bene e non riusciamo a comprendere il motivo». 

Forse, prova a ipotizzare, perché l'acqua è «caduta a macchia di leopardo». Oppure perché la diga Rosamarina si è riempita maggiormente a causa del nubifragio che nei primi di tre giorni di novembre si è abbattuto in quella zona con esiti catastrofici a Casteldaccia e nel Corleonese, facendo registrare dieci vittime. «Si è trattato di un fatto anomalo - ricorda la numero uno del gestore idrico della città - In due soli giorni in quella zona sono caduti oltre 40 milioni di metri cubi d'acqua». Poi, tornando su livello degli invasi aggiunge: «Ci auguriamo che si riempiano anche gli altri bacini. Ad ogni modo per quest'anno possiamo escludere qualunque emergenza: i problemi, semmai, potrebbero riguardare il 2020 e, comunque, la stagione invernale è ancora lunga». Tesi suffragata anche dal dirigente dell'unità operativa climatologia dell'Osservatorio Acque della Regione siciliana Luigi Pasotti.

«Rispetto all'anno scorso è paradiso - conferma il dirigente - ormai l'emergenza idrica è solo un lontano ricordo e da diversi anni nel Palermitano non si raggiungeva questa disponibilità di volumi al primo di dicembre. A parte alcuni invasi della Sicilia orientale che ancora sono molto al di sotto, come Pozzillo e Ogliastro - segnala ancora - per il resto ci siamo avvicinati alle massime capacità di invaso con le quote attualmente autorizzate». Proprio il Poma - che attualmente fa registrare oltre 42 milioni di metri cubi, a fronte di un cubatura totale di 72 milioni circa - ha avuto un incremento di «volume incredibile». «Si tratta di un invaso a regolazione pluriennale - prosegue Pasotti - progettato per riempirsi non nell'arco di una stagione, e comunque occorre tenere conto che siamo partiti da una situazione disastrosa registrata la scorsa estate». 

Poiché la stagione delle piogge è ancora lunga, entro marzo è possibile ipotizzare ulteriori incrementi se le piogge saranno nelle media. «È pur vero che dopo un grande incremento registrato in autunno, in termini assoluti finora, a dicembre e anche gennaio, siamo un po' sotto le medie. Non sono fenomeni che determinano incrementi significativi nei vari invasi». Ma cosa possiamo aspettarci, quindi, nei prossimi mesi? «Se non dovesse piovere comunque ci troviamo con una dotazione molto più abbondante di quella che avevamo un anno fa». Per l'acqua potabile non dovrebbe verificarsi alcuna emergenza, semmai potrebbe esserci qualche ripercussione per gli agricoltori. «Partiremo con una dotazione quasi ottimale e se dovesse piovere nella media siamo messi decisamente bene - conclude - e con precipitazioni oltre la media in molti invasi arriveremo alle quote massime».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×