Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caso Mered, parola al cugino dell’imputato
«Non lo conosco come trafficante di uomini»

Collegato dalla Norvegia, il testimone ha dichiarato che il ragazzo detenuto a Palermo dal 2016 e sotto processo con l’accusa di essere un boss della tratta è un suo parente, indicandolo col nome che lo stesso imputato dichiara dal suo arresto

Silvia Buffa

«Lo conosco, è mio cugino, Medhanie Tesfamariam Behre». Altro giro, altra udienza. Ma il copione resta sempre lo stesso, a giudicare dalle ultime udienze del processo che si sta celebrando davanti ai giudici della seconda corte d’assise di Palermo. Dove sotto accusa, da due anni, c’è un imputato che deve rispondere di essere un trafficante di esseri umani e di chiamarsi Medhanie Yehdego Mered. Mentre l’uomo incarcerato al Pagliarelli ha sempre dichiarato di essere un rifugiato in procinto di partire per l’Europa e di chiamarsi Medhanie Tesfamariam Behre. Uscito dall’acquario da cui assiste al processo, si è posizionato dove solitamente siedono i testimoni, posizionandosi davanti al microfono e rimanendo immobile. A osservarlo, ancora una volta, dall’altra parte di uno schermo è Hailemichael Ghebrebrham Heyelom, in video collegamento dalla Norvegia.

Cugino per parte di madre, spiega. Con cui è stato in contatto telefonicamente mentre erano entrambi in Africa. «Mentre ero in Libia gli ho telefonato io. E poi mi ha richiamato - continua -. Ero in Libia ad aprile e a giugno del 2016. Ero con due ragazzi, Kesete ed Efrem, siamo partiti insieme dal Sudan. Quando sono arrivato in Europa con me c'era solo Efrem, Kesete è rimasto in Libia. A pagare il mio viaggio è stato lo zio di mia moglie, che adesso è in America, io ero in Libia e non so come ha fatto arrivare i soldi». Mantiene i contatti con la moglie, rimasta in Sudan e in procinto di partorire, è proprio il cugino Medhanie. «L’ho affidata a lui, era il parente più vicino in Sudan. E avevo la possibilità di contattare telefonicamente lui e sua sorella Seghen». Ma sul nodo del pagamento che gli ha permesso di essere liberato dalla prigionia libica alla volta del viaggio per l’Europa insiste, lui non sa nulla: «Non posso sapere come sono stati mandati i soldi per farmi partire, solo Medhanie può conoscere certe cose - insiste -. Parlavo con lui perché era con mia moglie, solo lui poteva muovere, solo lui sapeva come prendere soldi e come pagare le persone che ci tenevano in ostaggio».

Ma esclude che suo quello che nell'aula palermitana riconosce come suo cugino sia un trafficante di uomini, al pari di chi lo ha imprigionato in Libia prima di permettergli di partire. «Io non lo conosco per queste cose, so che mio cugino si è solo preso la responsabilità per me mentre ero lì - dice -. Anche mio fratello Samsom ha pagato per attraversare il mare, non so chi ha pagato per il suo viaggio, ora vive in Svizzera. È stato preso dalle autorità italiane il 26 giugno 2016». Una testimonianza breve ma preziosa. Che si aggiunge a quelle raccolte durante le ultime due udienze, in cui a parlare sono stati Lidya Tesfu, moglie del trafficante Mered, che ha ammesso davanti ai giudici che quello sotto processo a Palermo non è suo marito, e Merhawi Yehdego Mered, che è invece fratello del trafficante e che a sua volta non ha riconosciuto il ragazzo detenuto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×