Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Alessio Bondì incassa il tutto esaurito al Teatro Biondo
«Qui mi sento accolto e abbracciato da un'intera città»

Ad attendere il cantautore palermitano una folla di persone. «In questo mio secondo album le influenze della musica del Sud del mondo e la contaminazione musicale creano un caleidoscopio di identità attorno a un nucleo poetico nero, ritmico e organico»

Maria Vera Genchi

Foto di: maria vera genchi

Foto di: maria vera genchi

Suoni di tromba emergono dalla platea, una lenta processione di musicisti si dirige verso il palco. Su di loro il rosso, tutto attorno nivuru e un Teatro Biondo sold out. Inizia così la tappa palermitana del tour di Alessio Bondì, Nivuru, partito il 7 dicembre dalla provincia di Siena, in Colle Val D’Elsa. Un intreccio di suoni, che ricorda Mira il tuo popolo e Si maritau Rosa, si fa strada tra il pubblico. «È una melodia che mi cantava mio padre - spiega Bondì - per farmi addormentare. Non ho mai saputo da dove venisse precisamente».

Il cantautore palermitano sale sul palco, ad accoglierlo un caloroso applauso, inizia a cantare e non si ferma più. Ghidara, poi Vucciria. E ancora Dammi una vasata, Si fussi fimmina, Café. Bondì rispolvera alcuni dei suoi brani più famosi di Sfardo, l'album precedente, e li intreccia con i suoi ultimi lavori di Nivuru in un continuo alternarsi di calma e adrenalina. «Nivuru è tutto quello che non conosco all’interno e al di fuori di me - spiega -, provo a portare una luce dentro questa oscurità per iniziare a vedere le cose; che possono essere molto belle, molto brutte, in contraddizione tra di loro».

Un concerto coinvolgente, arricchito dai giochi di luce di Francesco Scancarello, dagli allestimenti di Igor Scalisi Palminteri e dal sound design di Francesco Vitaliti. «Cantare a teatro è un'emozione preziosa - ammette Bondì -, stasera mi sono sentito accolto e abbracciato da un'intera città, si è sprigionata un'energia e un orgoglio giganteschi, che tutti hanno potuto sentire. Sono in fibrillazione, è davvero una bella soddisfazione». Bondì balla, canta e scherza, mentre il Biondo risuona di applausi. Sul palco l’intera band e tanta energia pura in un viaggio a cavallo tra ritmi e sonorità diverse. «In questo tour, e in generale in questo mio secondo album, - spiega il cantautore palermitano - le influenze della musica del Sud del mondo e la contaminazione musicale creano un caleidoscopio di identità attorno a un nucleo poetico nero, ritmico e organico. Dal Brasile all’Africa, poi ovviamente la Sicilia, l’area del Mediterraneo. Una specie di guazzabuglio di cui neanche io so decifrare bene: vado molto a cuore nelle sonorità».

La band, composta da Carmelo Graceffa alla batteria, Federico Gueci al basso, Fabio Rizzo alle chitarre, Alessandro Presti alla tromba e Alfonso Vella al sax, si è arricchita del contributo straordinario di Marilena Sangiorgi al flauto e di Serena Ganci che ha regalato al pubblico un'emozionante versione di Nivi nivura cantata a due voci insieme a Bondì. «Il tour sta andando molto bene - continua il cantautore -, le prime date sono state molto diverse perché andavo chitarra e voce. Adesso da due-tre tappe proseguiamo tutti in corazzata, a mettere le bandierine sulle varie destinazioni ». Il 10 gennaio Bondì volerà a Roma, poi sarà la volta di Milano e Torino. «Noi siciliani siamo dappertutto - spiega - anche quando suono a Milano c’è sempre una bella partecipazione di siciliani, che è molto bella perché, essendo un progetto cantautoriale, le parole hanno importanza e chi le capisce è bravo!».

Dal 16 al 19 gennaio Bondì prenderà anche parte all’Eurosonic Festival di Groningen: «Sarà la prova più divertente», commenta. Tra il pubblico del Biondo, presente in sala anche il primo cittadino, Leoluca Orlando. «Io seguo Alessio Bondì da sempre - racconta - mi è stato indicato da mia figlia, che viveva a Parigi. È un artista straordinario, richiama con grande sensibilità i valori della città coniugando in maniera mirabile, con la sua reputazione internazionale, radici e ali».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×