Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il mandarino tardivo di Ciaculli è in crisi
La raccolta del 2018 non è andata bene

La produzione degli agrumi coltivati nell'antica Conca d'oro e presidio Slow Food è in difficoltà a causa delle condizioni climatiche. Un consorzio ne tutela l'originalità, ma quest'anno difficilmente si raggiungeranno i volumi registrati nelle precedenti stagioni

Fabio Geraci

Da oggi le arance rosse di Sicilia IGP sono in vendita nei supermercati e nei banchi dei fruttivendoli, mentre a Palermo la produzione del mandarino tardivo di Ciaculli, presidio Slow Food coltivato nell'antica Conca d'oro, rischia di saltare a causa delle condizioni climatiche. Il tardivo, che viene raccolto da fine gennaio fino a primavera inoltrata, è prodotto da un consorzio che ne tutela l'originalità e le caratteristiche principali, ma quest'anno gli agricoltori si lamentano perché difficilmente si raggiungeranno i volumi registrati nelle precedenti stagioni.

«Rispetto al 2017 - dice Pietro Conigliaro, uno dei coltivatori storici della borgata palermitana - l'annata è deludente, colpa del tempo non adatto per lo sviluppo dei mandarini. Da un punto di vista economico siamo stati molto danneggiati, probabilmente non rientreremo negli investimenti fatti per un prodotto che è una vera eccellenza e che trattiamo con grande cura. Speriamo che il 2019 sia migliore di quello appena trascorso e che ci dia belle soddisfazioni». Il mercato del tardivo, e più in generale del mandarino comune siciliano, è in fase calante almeno del 20%: riscuotono sempre più successo le clementine o il mandarancio, incroci che contengono meno semi e che provengono da paesi come Cina, Algeria, Marocco e Spagna, spesso in aperta concorrenza con gli agrumi siciliani per via del costo più basso. Ed è proprio la Spagna ad essere leader della produzione agrumicola e nel settore dei succhi e dei nettari, estratti da questi frutti. «Dai mandarini e dagli agrumi - continua Conigliaro - si prende tutto: si mangiano ovviamente ma si usano anche per confezionare bevande, ma anche per i profumi e nella farmaceutica».

La prossima sfida potrebbe essere quella di puntare sui limoni e, in futuro, potrebbe essere questa la strada, anche a Palermo, per diversificare la produzione. In Sicilia, infatti, l'annata è stata soddisfacente nonostante le temperature troppo alte che hanno causato una colorazione poco omogenea del prodotto. L'incremento, rispetto al 2017, è stato del 30% anche se il costo è maggiore in confronto ai limoni del Sudamerica, del Sudafrica e di Israele a cui i consumatori si rivolgono per risparmiare qualcosa. Non sembrano invece risentire della crisi le arance rosse IGP, come conferma il presidente del consorzio, Giovanni Selvaggi: «L'eccezionale ondata di maltempo di ottobre, che ha investito la Piana di Catania e la provincia di Siracusa, ha avuto conseguenze solo marginali sui frutti. Le arance sono buonissime e le caratteristiche organolettiche intatte. Quest’anno più che mai comprate arance rosse di Sicilia IGP per far si che gli agrumeti danneggiati dal maltempo tornino a produrre a pieno ritmo questo eccellente frutto siciliano unico al mondo». 

Le prime arance rosse a maturare e ad arrivare sulle tavole saranno, come da tradizione, le cosiddette moro, caratterizzate dal colore rosso scuro della polpa. Le tarocco, una tra le varietà più diffuse e apprezzate perché prive di semi e di colore giallo-arancio, si troveranno a partire dal prossimo 8 gennaio  mentre le prime arance sanguinello, molto succose, si cominceranno a vendere dal 9 febbraio in poi. Ma il grosso della raccolta dovrebbe avvenire tra marzo e aprile.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews