Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

#Lda, Pif e una dolce stroncatura del primo romanzo
Una storia d’amore nata tra cassate e dita d'apostolo

Ritorna l’appuntamento con rubrica adatta agli spostamenti frenetici sui mezzi di trasporto. Protagonista di questo episodio il libro … che Dio perdona a tutti. Tra prelibatezze tipiche e scommesse poco ortodosse il Testimone ci racconta la città con le sue contraddizioni

Eleonora Magno

È una storia d’amore. Il protagonista si chiama Arturo, lavora come agente immobiliare e trascorre il suo tempo libero frequentando le pasticcerie di Palermo. Sì, perché Arturo è mediamente interessato allo sport o alla politica e niente affatto alla religione, ma è amante seriale dei dolci siciliani. E il libro è, in effetti, un piccolo omaggio ai dolci della città. Vengono descritti, immaginati, desiderati. Si parla della loro preparazione, e sono tutti dolci che si portano dietro una fetta importante di tradizione. Pif parla di Palermo, delle sue qualità come dei suoi mastodontici difetti, anche a chi non c’è mai stato. Il palermitano sghignazzerà; il lettore continentale, come direbbe Tomasi di Lampedusa, prenderà nota.

I crucci di Arturo vertono su due essenziali questioni: quella dei cornetti surgelati inseriti direttamente dentro il forno e una donna di cui si innamora. Lei ha carattere, è indipendente e ambiziosa. E ha appena aperto una pasticceria. Deve essere la donna della sua vita. L’unico problema sembra essere, a un certo punto, che lei è credente e lui non si ricorda nemmeno il Padre Nostro. È in virtù di questo che il protagonista inizierà una scommessa con se stesso: comportarsi da bravo cristiano per tre settimane, provando in tutti i modi a vincerla.

Un altro dei sensi che Arturo esercita, a parte il gusto, è quello della vista. Egli guarda, osserva, interroga. Le rare volte che interviene in qualche conversazione finisce con l’abbattersi contro un muro di ottusità, perbenismo e ignoranza misti a sfumature di cattolicesimo. Il crocifisso appeso al muro ma la colazione con l’amante. Sostituzione della cancellata della parrocchia, per far piacere al parroco, ma indifferenza verso le casette contigue alla parrocchia stessa, che potrebbero dare ospitalità a famiglie di immigrati. La messa la domenica ma nessuna opera concreta verso il prossimo. In poche parole, la fede da salotto.

E a quel punto Arturo è solito ritirarsi, perché non è una persona polemica, non pretende di giudicare nessuno. Vive in coerenza con i propri precetti: gustare le dita di apostolo è più importante che far vedere la verità alle persone che da cieche stanno già bene. Qual è il limite con questo tipo di interlocutori? Fino a quando possono essere sopportati o sono in grado di sopportarci? Il libro pone queste domande, mettendoci a confronto a volte con luoghi comuni della peggior risma, quelli più banali e scontati che capita anche ora di leggere sui social.

A lasciar desiderare invece è la qualità della scrittura. Traspare che è il primo tentativo narrativo dell’autore, e oltre a non percepirsi alcun tipo di innovazione linguistica (anzi, a volte vi sono macroscopici esempi di sciatteria editoriale che non ci aspetterebbe da un editore importante come Feltrinelli) vi sono descrizioni e scene banali o non congruenti con la trama, che un buon lavoro di editing avrebbe potuto individuare ed eliminare. Possono sembrare questioni irrilevanti, ma un libro è fatto soprattutto di questo: di domande. 

Questa scena è essenziale? Questa descrizione è funzionale? O è solo un’accozzaglia di pensieri con germi di riflessioni? Se descrivo questa scena in questo modo la consecutio è rispettata? Perché è vero che nel libro sono presenti alcune riflessioni interessanti, ma è altrettanto vero che alcune scene sono fin troppo cariche di frasi già sentite sugli autobus o a tavola con i parenti, già lette centinaia di volte sugli smartphone. Ne consegue che ciò che è rappresentato sembra più una farsa che un episodio verosimile. Inoltre, se da un lato vi sono scene che si possono eliminare, dall’altro ci sono fili della trama che avrebbero dovuto essere intrecciati meglio. Sono i fili che riguardano altri personaggi, il cui epilogo non si comprende del tutto. Né in realtà si comprende interamente quello del protagonista.

A un libro si deve chiedere novità, brivido, innovazione e non la sensazione, una volta finito di leggere, che non ne sia valso il tempo. Ecco perché, pur essendovi alcune idee interessanti, non consiglio questo libro ai lettori, che se decideranno comunque di leggerlo, saranno i benvenuti a smentirmi. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×