Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Case popolari, sono 450 le famiglie morose
Spese mai pagate, inviate 1450 ingiunzioni

«Un'operazione di legalità» come lo stesso sindaco di Palermo, Leoluca Orlando la definisce. L'amministrazione di Palazzo delle Aquile spera di recuperare circa 15 milioni di euro che potrebbero così rimpinguare le casse del Comune

Gaetano Càfici

«Un'operazione di trasparenza e legalità», come la definisce lo stesso sindaco Orlando dove il Comune spera di recuperare circa 15 milioni di euro. Si tratta del recupero delle somme, mai pagate dagli assegnatari di una casa popolare, riferite alle spese condominiali, agli affitti e anche alle utenze. Infatti, l'amministrazione comunale ha deciso di inviare 1450 ingiunzioni di pagamento a 450 famiglie. Così facendo, dicono dalle parti di Palazzo delle Aquile, le casse del Comune potrebbero essere rimpinguate con somme assai ragguardevoli e che negli anni non si è riusciti a recuperare.

Ad intervenire è lo stesso assessore comunale Giuseppe Mattina che afferma come «i morosi siano appena il 9 per cento degli assegnatari (in totale circa 5.000) a dimostrazione del fatto che il sistema nel suo complesso funziona». Però di fatto la platea dei soggetti che non pagano rimane comunque alta.

Dal Comune dicono anche che le somme varierebbero da 430 euro, dovute al mancato versamento della quota condominiale, ad oltre 65 mila euro, nel caso di coloro che una volta ottenuta l'assegnazione della casa non hanno mai pagato. Se si pensa che il dato che salta di più agli occhi è quello di una famiglia che addirittura non paga dal lontano 1989, cioè da 29 anni.

E ciò malgrado «la revoca dell'assegnazione dell'immobile - dicono dal Comune - non è prevista per morosità e quindi gli uffici possono soltanto tentare il recupero coattivo delle somme, attraverso l'iscrizione a ruolo delle cartelle e la compensazione con eventuali servizi e contributi erogati dal Comune stesso». Come dire che il Comune, di fatto, non può togliere l'immobile a chi lo ha assegnato, malgrado non paghi quanto dovuto.

Invece, dal versante delle regolarizzazioni relative all'occupazione degli immobili popolari, l'amministrazione comunale ha proceduto alla firma della prima determina che, in applicazione della legge regionale 8/2018, ha permesso proprio ad una famiglia di «occupanti» di regolarizzare la propria posizione e vedersi assegnata una casa popolare nel quartiere «Medaglie d'Oro». Allo stesso tempo è partita anche la prima iscrizione a ruolo per un'altra famiglia che, invece, da anni non paga i canoni di locazione della casa popolare che gli è stata assegnata a Bonagia.

«Si tratta di due provvedimenti diversi - afferma il sindaco Leoluca Orlando - ma che vanno nella stessa direzione: quella di mettere ordine e ricondurre a piena legalità la situazione degli alloggi
popolari in città. Da un lato favorendo la regolarizzazione di quanti hanno i requisiti per essere assegnatari e dall'altro perseguendo coloro che già hanno una casa popolare ma pensano di potervi rimanere a spese della collettività. Entrambi sono provvedimenti di giustizia ed equità sociale».

Sul fronte delle regolarizzazioni, sono circa 800 le famiglie che hanno fatto richiesta per poter aver assegnata la casa che occupano. Gli uffici hanno controllato le prime 40 domande e per 25 famiglie è stata avviata l'assegnazione. Per altre 15 al momento non si è potuto procedere perché gli occupanti non hanno potuto fornire prove del fatto che l'occupazione sia iniziata prima del 31 dicembre 2017,
requisito richiesto dalla normativa vigente.

Gli uffici stanno vagliando, inoltre, la possibilità di acquisire ogni tipo di documento, che non sia una solo un'autocertificazione che permetta di dimostrare la data di prima occupazione degli immobili, «proprio perché - dicono dal Comune - vogliamo favorire la fuoriuscita da una condizione di irregolarità e, finalmente, il patrimonio Erp cittadino sia pienamente e legittimamente utilizzato con un beneficio per tutti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×