Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Qualità della vita, Palermo sale di 10 posti 
Orlando: «Stimolo a fare sempre meglio»

Il sindaco apprezza i miglioramenti degli ultimi 3 anni mostrati nella graduatoria de «Il Sole 24 Ore». Aurelio Angelini frena: «Classifica che lascia il tempo che trova. Gli indicatori sono troppo personali. Ma ambiente e cultura sono i settori su cui si deve lavorare di più».

Fabio Geraci

Male le città siciliane nella classifica della Qualità della Vita de «Il Sole 24 Ore» anche se con qualche eccezione. Palermo è 87ª, una posizione che fa quasi esultare il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, visto che la città aveva raggiunto il 106° posto nel 2015, il 99° nel 2016 e il 97° nel 2017. Il report della 29esima edizione fa riferimento a 42 indicatori suddivisi in sei macro-aree («Ricchezza e consumi», «Affari e lavoro», «Ambiente e servizi», «Demografia e società», «Giustizia e sicurezza», «Cultura e tempo libero») e fotografa la questione del benessere in Italia nel 2017. 

«Per il terzo anno consecutivo, e con dati riferiti al 2017, Palermo sale nella classifica della qualità della vita nelle province italiane - scrive il primo cittadino -. Le dieci posizioni guadagnate in un anno, dopo le 11 guadagnate dal 2015, sono motivo di ottimismo, anche se certamente ancora molto resta da fare su tanti fronti ed in particolare su quello dell'occupazione. Alcuni parametri di questa classifica sono particolarmente significativi e motivo di speranza: quello relativo alle start-up e quello relativo alle attività di volontariato e non profit. Indicano una città ed un territorio nel quale la comunità reagisce alle difficoltà sia sul fronte imprenditoriale per creare nuova occupazione e sviluppo sia sul piano della solidarietà e dell'impegno sociale. Sono fiducioso che il prossimo anno, quando i dati rispecchieranno anche l'impatto positivo che sulla nostra economia e sui nostri servizi ha avuto l'esperienza di Capita della cultura, il miglioramento sarà ancora più accentuato».

Perplesso, invece, Aurelio Angelini, direttore della Fondazione Patrimonio Unesco per la Sicilia e professore di Sociologia dell'Ambiente e Urbana dell'Università di Palermo. «Queste classifiche - dice  - lasciano il tempo che trovano. A seconda di quanto pesano gli indicatori utilizzati, ed è un fattore personale, il dato tendenziale può fornire un riferimento. Ma nulla di più. Detto questo, però, occorre fare alcune riflessioni».

Si scopre, però, che nonostante le dichiarazioni del sindaco, Palermo è all'88° posto sui consumi delle famiglie, che il tasso di disoccupazione giovanile è scoraggiante (103ª); che nell'ecosistema urbano, ovvero nella capacità di spendere bene le proprie risorse pianificando le trasformazioni future per il settore dell'aria, dei rifiuti o dell’acqua, il capoluogo è ancora in 103ª posizione, a dimostrazione - se ce ne fosse bisogno - che le azioni ambientali latitano e che non fanno parte delle strategie della politica cittadina. 

«La debolezza siciliana è rappresentata dal fatto che non abbiamo politiche attive del miglioramento qualità-ambiente - continua il professor Angelini -. Un esempio? Non c'è una politica sulla mobilità sostenibile, tipo finanziamenti per la realizzazione di piste ciclo-pedonali. Un altro? Non esiste l’implementazione delle aree forestali, però abbiamo interventi di contrasto agli incendi. Insomma le scelte sono spesso legate alle difficoltà del bilancio e delle spese precarie. Niente di strutturale nemmeno sull'uso delle fonti rinnovabili, come invece servirebbe».

Altro indice su cui poter lavorare per il futuro è quello della Cultura e del tempo libero. I dati di Palermo (69ª), non sono da buttare se pensiamo a ciò che si potrebbe ancora fare. In questa speciale classifica vince Rimini per le sue strutture ricettive, Roma è terza, Milano è decima, Venezia si piazza 21ª mentre Cagliari è sesta, prima delle isolane. Segno che c'è molto da impegnarsi. 

«La politica regionale ha acquisito la consapevolezza che bisogna aumentare investimenti e iniziative nel settore culturale perché la Sicilia può vivere utilizzando la propria storia per creare processi virtuosi. Ma l'impegno sulla cultura da solo non basta. Peccato perché valorizzazione dell'ambiente e dei Beni culturali sono due fattori fortemente integrati. Su di essi dovrebbe poggiare un solido turismo a cui serve la mobilità e la qualità dell’ambiente per decollare e diventare veramente forte anche sotto il profilo economico», conclude Angelini.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews