Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Aldo, il clochard gentile che aveva conquistato tutti
«Una persona dolcissima, mi occuperò io di Helios»

In tanti si accalcano sul luogo in cui ha perso la vita, forse per un'aggressione, il senzatetto. Chi ricorda i suoi modi, l'accento francese e i racconti dei viaggi: era un artista girovago che aveva girato per l'Europa. Marco, un amico, ha adottato il gatto dell'uomo

Gabriele Ruggieri

«Non chiedeva niente. Una settimana fa gli abbiamo chiesto se volesse qualcosa, ma lui ci aveva fatto vedere le sue buste dicendo che c'era dentro tutto quello di cui aveva bisogno». Sono in tanti ad accalcarsi contro le transenne disposte dai carabinieri attorno al luogo dove è stato trovato il corpo di Aid Abdelah, per tutti solo Aldo, il clochard rinvenuto stamattina senza vita sotto i portici di piazza Ungheria. La scientifica non ha ancora finito di fare i rilievi, ma in tanti vogliono sapere qualcosa del senzatetto che aveva conquistato tutti con la sua parlantina, i suoi modi gentili e il suo gattone, Helios. L'uomo, che presentava una profonda ferita alla testa, è stato probabilmente vittima di un'aggressione. I militari stanno visionando i filmati delle telecamere delle attività commerciali della zona. 

Ci sono voluti pochi istanti perché Helios, che Aldo considerava la sua famiglia, trovasse una nuova casa. Il gatto era stato affidato dai carabinieri a Laura, una ragazza che lavora poco lontano dal luogo dell'accaduto e che conosceva bene il clochard. Attorno a mezzogiorno si è recata al bar vicino per chiedere di affiggere l'annuncio in cerca di una nuova sistemazione per il gatto, ma la risposta della ragazza dietro al bancone è stata risolutiva: «So già chi lo può prendere con sé». Si tratta di Marco, anche lui lavora nei pressi di via Generale Magliocco. «L'ultima volta che ho incontrato Aldo è stato ieri a pranzo, gli ho offerto un panino - racconta - Parlavamo spesso di politica, di Salvini di quello che succedeva in Francia con i gilet gialli. Aveva un cellulare col quale si teneva aggiornato. Era un girovago, tornava in Sicilia per i mesi invernali perché diceva che qui fa caldo anche a gennaio, e poi preferiva tornare a viaggiare. Di solito arrivava qui verso ottobre e ripartiva a marzo. L'estate scorsa era stato in Germania, poi aveva degli amici in Puglia, ma andava spesso anche in Francia».

Marco scorre le conversazioni avute con Aldo su Whatsapp, guarda le foto: in una c'è Helios sul sedile di un treno, «Qui è mentre si trovavano in viaggio in Nord Europa»; c'è il ritaglio di un giornale che ritrae l'artista senza casa con il gatto sulle spalle: «Questo è un articolo di un giornale tedesco che parla di quando la polizia lo ha fermato in Germania perché era seduto di fronte a un negozio con Helios». E c'è persino la fotografia di una grossa fetta di carne: «Questa - dice ancora Marco - me l'ha mandata per farmi vedere cosa si era comprato una volta che gli avevo dato dieci euro».

«Non può essere lui, non dava fastidio a nessuno - dice una signora - era sempre educato, una persona distinta». «Era sempre in giro - risponde un altro - a volte partiva per andare in Germania, aveva viaggiato moltissimo». Non c'è passante che non si fermi per dare ai carabinieri il proprio contributo parlando di Aldo, dell'ultima volta che l'avevano visto, dell'ultima chiacchierata. «È incredibile che sia morto così» dicono, poi chiedono di Helios. «Parlava sempre con il suo gatto - racconta una passante - lo trattava come una persona, gli diceva quando era ora di andare a letto, gli chiedeva di spostarsi, era molto tenero».

Tra i più provati dalla morte di Aldo ci sono proprio il gestore e gli impiegati del bar accanto al posto scelto dal senzatetto per passare abitualmente la notte. «Abbiamo aperto molto presto - dicono - lui era nel suo giaciglio, ma abbiamo capito subito che c'era qualcosa che non andava. Le coperte, le sue cose, erano tutte scombinate, mentre lui era una persona molto ordinata, sistemata». E ancora: «Dicono che sia stato aggredito e derubato». Fasi brevi, pronunciate di controvoglia mentre l'attività va avanti, nonostante gli occhi rossi dei banconisti e le chiacchiere dei clienti. «Non si può morire così - ripete ancora una donna - Poi, sotto Natale. Perché prendersela con lui? Era unico, non importunava mai nessuno, raccontava le sue storie in perfetto italiano, con il suo accento francese. È una cosa terribile».

«Era un pittore francese girovago, tutti lo chiamavano il pittore col gattino - dice Giuseppe Li Vigni, dell'associazione Angeli della notte - Anche noi negli scorsi giorni, nei nostri consueti giri notturni, gli avevamo offerto il pranzo. Ed era un uomo sempre cortese, colto, divertente. Non possiamo ancora dire se sia stata un'aggressione, di certo gli episodi degli ultimi giorni - penso all'aggressione negli scorsi giorni a un venditore di rose a piazza Bologni - hanno ben poco dello spirito natalizio. È paradossale, poi, che ciò avvenga per chi si dice cattolico, perché i cristiani dovrebbero avere un'ulteriore sensibilità verso gli ultimi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×