Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

«Abusivi all'Ersu», la protesta di chi ha diritto al letto
Ente: «Solo lieve ritardo, ci sono persone e non pacchi»

Sospesa in questi giorni l'assegnazione dei posti, dopo le segnalazioni degli studenti. Che lamentano di «stanze occupate senza averne titolo». Oggi la procedura dovrebbe ripartire. Mentre i nuovi studentati rimangono in stand-by, in attesa anch'essi di coperture economiche

Andrea Turco

È il 13 dicembre quando con una stringata nota l'Ersu avverte sul proprio sito che «sentito il direttore, si comunica che in autotutela, al fine di assicurare il più efficace perseguimento dell’interesse pubblico, le procedure di accettazione dei posti letto sono temporaneamente sospese». La scelta, a firma del dirigente Sergio Lupo, lascia sorpresi. Che succede all'ente regionale per il diritto allo studio universitario? L'annuale assegnazione dei 757 posti all'interno degli studentati - 25 a Caltanissetta e 732 nelle sei residenze palermitane di Santi Romano, San Saverio, Biscottari, Annunziata, Schiavuzzo e Goliardo - da alcuni giorni procede con ritardi e polemiche

Alcuni aventi diritto, giudicati cioè dall'Ersu assegnatari di un posto letto, segnalano che avrebbero dovuto insediarsi già da novembre all'interno delle proprie stanze. E che l'ultima graduatoria è del 7 dicembre scorso. Da allora però gli idonei, cioè coloro che avrebbero diritto al posto letto ma per i quali al momento non c'è la copertura economica, preferiscono non lasciare le stanze precedentemente assegnate. Perché sperano di rientrare nella graduatoria attraverso lo scorrimento e dunque la rinuncia di qualche avente diritto.

Col risultato che chi invece ha già ottenuto quel riconoscimento non può prendere possesso dell'alloggio. La denuncia diventa pubblica attraverso la pagina Facebook Studente Unipa di merda. «Fondamentalmente da anni - si legge in un post anonimo del 13 dicembre che ha creato molte polemiche -  al Santi Romano ci sono degli studenti che occupano delle stanze senza averne titolo. Queste persone tengono in ostaggio degli studenti che legittimamente avrebbero diritto al posto letto. Parliamo di colleghi che hanno meritato la stanza, per i CFU conseguiti e per la situazione reddituale, e che attualmente sono costrette a rimanere fuori, magari dormendo da amici o tornando a casa ogni giorno: con i relativi costi aggiuntivi che, in qualità di assegnatari, è riconosciuto che non possano permettersi economicamente».

A MeridioNews alcuni studenti, che preferiscono rimanere anonimi, confermano la ricostruzione. «Per ora sono fuori nonostante la stanza dovesse essermi assegnata già il 23 novembre  - dice uno di loro -, anche se l'elenco è stato pubblicato con ritardo il 7 dicembre. Ci sono persone all'interno degli studentati che manco fanno l'università. Ora però noi assegnatari ci siamo rotti di questa situazione. In questi giorni sono stato ospite a casa di amici, perché nel frattempo le mie lezioni sono cominciate. Chi mi risarcisce di questo disagio?». 

Dall'Ersu intanto arriva l'invito alla calma. Oggi riprendono le procedure di assegnazione, e prima di Natale i 735 posti letto dovrebbero essere esauriti - anche perché durante le festività l'ente regionale chiede agli studenti fuori sede di lasciare liberi gli appartamenti, e dunque il rischio è che la procedura si trascini fino a gennaio. «Si è trattato di un black out e di piccole criticità - ammettono dall'Ersu - dovute al fatto che gli idonei che dovrebbero lasciare le stanze potrebbero rientrarci tra qualche giorno. Siamo di fronte a persone e non a pacchi, chiediamo un po' di tolleranza, in fondo si tratta di un lieve ritardo di qualche giorno. Escludiamo comunque la presenza degli abusivi, anche se possiamo capire il sospetto che aleggia in chi è rimasto fuori. Ma ribadiamo che nelle nostre residenze non c'è spazio per gli abusivi, anche perché ogni posto occupato non a norma è un posto in meno per chi invece quel diritto ce l'ha».

I disagi di questi giorni testimoniano in ogni caso che all'università di Palermo, nonostante la quota di iscritti si sia stabilizzata negli ultimi anni, servono nuove residenze e nuovi alloggi. «È chiaro che se avessimo il doppio dei posti letto avremmo la metà dei problemi - è la conferma dell'ente regionale per il diritto allo studio universitario - Abbiamo varie ipotesi in campo. Una è il recupero di Palazzo Marchesi, in via Maqueda: un palazzo storico della vecchia Giudecca che garantirebbe una 80ina di posti letto; abbiamo presentato il progetto al Ministero, che ha confermato la volontà di restaurarlo anche se al momento manca la copertura economica». Viene da osservare che anche l'Ersu, insomma, può risultare idoneo ma non assegnatario. «Poi c'è la volontà di ristrutturare il Santi Romano, che è un edificio ormai vecchio di 48 anni: qui il progetto è già finanziato per due terzi. Infine c'è l'annosa vicenda dell'Hotel Patria, con l'affidamento da parte dell'università di Palermo che è sospeso per via dell'assenza del certificato antisismico».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×