Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Lidi a rischio chiusura: verso Mondello senza cabine?
Operatori: «Dal 2020 potremmo restare senza lavoro»

Alessandro Cilano, gestore de L'Ombelico del Mondo e presidente di Fiba Confesercenti Sicilia, spiega cosa potrebbe cambiare con l'applicazione della direttiva Bolkestein che prevede la liberalizzazione delle concessioni demaniali per gli stabilimenti balneari

Fabio Geraci

Foto di: ARCHIVIO

Foto di: ARCHIVIO

Oltre quattromila stabilimenti balneari siciliani, e quasi 30 mila in tutta Italia, rischiano di chiudere entro il 2020. Colpa della cosiddetta direttiva Bolkestein con cui l'Unione Europea - di fatto - mette a gara le concessioni demaniali rendendo le spiagge territorio di conquista. In pratica, via alla libera concorrenza internazionale e addio a chi in precedenza gestiva gli stabilimenti. Tra due anni niente più cabine: a Palermo metà del litorale dovrà rimanere spiaggia libera e fra un lido balneare e l'altro (di un massimo di 3 mila metri quadrati di estensione) è consentita una distanza di cento metri, destinata anch'essa a spiaggia libera. 

«Chi ha investito prima del 2009 - dice Alessandro Cilano, gestore de L'Ombelico del Mondo di Mondello e presidente di Fiba Confesercenti Sicilia - potrebbe perdere tutto. Anche se ha costruito per il suo futuro, ha fatto un mutuo e ha assunto persone. Con la mia attività ho creato un sistema passando da quattro a dodici dipendenti stabili e, in estate, anche una decina in più. Rischiamo di restare tutti senza lavoro. Intanto saremo costretti a partecipare a un'asta libera presentando un altro progetto che poi è il nostro». 

Già quest'estate il 10 per cento degli stabilimenti rischia di sparire con grave danno per l'economia. «Le nostre aziende producono il 12,5 per cento del Pil sul Turismo, siamo una forza e lo Stato dovrebbe accorgersene», continua Cilano. Infatti, non più di qualche giorno fa, le maggiori sigle sindacali di categoria sono andate a Roma per un incontro nazionale e per adottare, con la legge di stabilità, una norma che metta in sicurezza il settore. «Stiamo lavorando per presentare un disegno di legge con il ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio», spiega Cilano il quale sottolinea «lo sforzo dell'assessore regionale all'Ambiente, Toto Cordaro, e dei suoi funzionari che stanno digitalizzando 9 mila pratiche per recuperare i fondi pubblici che alcuni concessionari devono pagare» e l'attenzione nei confronti dei gestori che «possono saldare i canoni a fine stagione, un provvedimento che è un segnale di grande volontà per dare un aiuto alle imprese balneari».

Ma la grande attesa è spostata sul governo nazionale al quale si chiede di agire sulla durata e sulla tutela delle concessioni già emanate. Del resto Portogallo, Spagna, Croazia e i paesi Sud del Mediterraneo godono già di una legislazione migliore e più completa e, soprattutto, hanno a disposizione più tempo per programmare i loro investimenti. «Indispensabile che nella Legge di Bilancio, qui ed ora, venga inserita almeno una misura di salvaguardia temporale che metta in sicurezza questo importante segmento del nostro Made in Italy», ha chiarito Antonio Capacchione, presidente nazionale del Sindacato Italiano Balneari. Che, in una lettera aperta al ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha ribadito che «questo cruciale settore economico è completamente paralizzato dall'impossibilità di effettuare i necessari investimenti per affrontare l'agguerrita concorrenza internazionale e persino la ricostruzione degli impianti balneari distrutti dalle mareggiate».

Anche la Cna Balneatori Sicilia grida «No alla cancellazione di decine e decine di stabilimenti nell’Isola». I vertici siciliani hanno inviato una nota indirizzata al presidente della Regione, Nello Musumeci, all’assessore al Territorio, al Direttore Generale dello stesso Dipartimento e ai Presidenti delle Commissioni III e IV dell’Ars in cui si sottolinea «come il commissariamento dei Comuni siciliani, a seguito della sostanziale inattività degli stessi nella stesura dei piani, possa produrre soluzioni letali per le imprese balneari, il cui settore va tutelato perché dà valore a tutta l’isola». E ancora, affermano Gianpaolo Miceli e Guglielmo Pacchione coordinatore e portavoce di Cna Balneatori Sicilia, la diretta conseguenza sarebbe «la chiusura di diverse imprese e la perdita di posti di lavoro». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×