Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bellusci svela il segreto dei rosanero
«Siamo coesi e c'è voglia di rivalsa»

Il difensore, che sarà a disposizione in vista della prossima gara con il Livorno dopo avere recuperato da un fastidio muscolare, trova la chiave con la quale spiegare il salto di qualità della squadra rispetto alla scorsa stagione. Una delle armi vincenti dell'undici di Stellone è il feeling con il gol del reparto arretrato

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Anche i numeri hanno un’anima. E i numeri dicono che, in questo momento, il Palermo in vetta al campionato di B è la squadra che manda in rete il maggior numero di giocatori (dodici) e con un reparto difensivo particolarmente ispirato in zona gol. Sono sette, compresi gli acuti degli esterni Salvi e Mazzotta, le reti siglate finora in questo torneo cadetto dai difensori. Una di queste, nel match casalingo contro il Perugia dello scorso 22 settembre, porta la firma di Bellusci. Uno che non ha grande confidenza con il gol come dimostra il fatto che prima della marcatura contro gli umbri non segnava da due anni e come ha ammesso lo stesso ventinovenne difensore calabrese nel corso della conferenza stampa odierna al Tenente Onorato: «Non sono mai stato un difensore goleador e lo testimonia lo score della mia carriera. Il mio obiettivo principale, tuttavia, è un altro ed è quello di aiutare la squadra a tenere la porta inviolata e a subire il minor numero possibile di reti. Palermo cooperativa del gol? Dipende dal fatto che tutti facciamo i movimenti giusti, anche sulle palle inattive, e pure gli attaccanti creano spazi per gli inserimenti di centrocampisti ed esterni. C’è un lavoro mirato alla base dei diversi gol dei difensori - ha aggiunto - sfruttiamo l’abilità dei nostri battitori come Trajkovski e Falletti che hanno un calcio meraviglioso e rispettando le nostre mansioni possiamo creare dei grattacapi alle squadre avversarie».

Il numero 2 rosanero, uno dei rappresentanti della 'vecchia guardia' di cui fa parte ad esempio anche Rajkovic («È un grande professionista e merita tanto dopo una carriera frenata da alcuni infortuni pesanti» – ha detto l’ex Empoli a proposito del serbo protagonista assieme a Pomini e Rispoli questo pomeriggio di una sessione autografi con i tifosi allo Store Ufficiale di via Maqueda), sa che il primato solitario della compagine di Stellone non è casuale e, nello stesso tempo, è consapevole del fatto che rispetto alla passata stagione la squadra quest’anno dà maggiori garanzie in termini di continuità e affidabilità. 
«Il segreto di questo nostro periodo brillante è la voglia di rivalsa presente dentro ognuno di noi. Sono determinanti, inoltre, la dedizione e la professionalità dello staff tecnico e l’impegno che mettiamo in campo noi giocatori. Poche volte, in passato, ho notato questa ‘cattiveria’ nel lavoro quotidiano e questa voglia di dare qualcosa in più per il compagno e per la squadra in generale. Anche nella scorsa stagione, nella quale tutti abbiamo commesso degli errori, ad un certo punto siamo rimasti in testa alla classifica ma in quella circostanza non siamo riusciti ad alzare l’asticella come invece stiamo facendo adesso. Siamo coesi e compatti, sappiamo soffrire e questo aiuta a spostare l’inerzia delle partite dalla propria parte. Quando semini bene poi raccogli. Speriamo di continuare a seminare e di fare il raccolto più bello alla fine della stagione».

E nell’ambito di questa prima fase della stagione dedicata ancora alla semina, la gara con il Livorno in programma sabato al Barbera rappresenta uno step importante: «È una partita certamente pericolosa contro una squadra che, rispetto a noi, ha poco da perdere e che ha ritrovato un po’ di entusiasmo in virtù del successo per 3-1 contro un Foggia che a me personalmente ha fatto un’ottima impressione quando lo abbiamo affrontato. È una gara che dovremo prendere con le molle e preparare con grande attenzione come stiamo facendo in questi giorni. Non possiamo rischiare di perdere gran parte del campionato che stiamo facendo per una partita sola ma il mister già ci ha avvisato in merito alle insidie del match».
Dopo lo stop in occasione della sfida con il Padova nella quale è rimasta in panchina, per Bellusci sta per scattare di nuovo il semaforo verde: «Purtroppo la scorsa settimana ho saltato qualche allenamento a causa di un fastidio muscolare avvertito nella gara precedente ma adesso sono di nuovo a pieno regime e sono a disposizione». La sua presenza nell’undici titolare, tuttavia, è ancora da valutare. Tra le certezze, invece, c’è il fatto che la squadra continuerà a concentrarsi solo sul campo senza farsi condizionare da interferenze esterne: «Il mio punto di vista sul cambio di proprietà? Ognuno ha le sue idee. Noi, però, non ne abbiamo parlato perché abbiamo cercato di isolarci pensando solo a fare il massimo in allenamento e a dare tutto per vincere le partite. Giudicare, in ogni caso, è sbagliato e lo è ancora di più in questa circostanza con un margine temporale ridotto per potere esprimere delle valutazioni».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×