Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Dallo Zen al Comune, la protesta della scuola Sciascia
«Agibile solo in parte, basta con la logica dei rattoppi»

Dopo il tetto crollato il 27 novembre, gli alunni disertano le aule dell'istituto. Che già scontava condizioni precarie: inutilizzabili i bagni, il teatro e la palestra. Una docente: «Raccontiamo loro la favola di un mondo migliore fuori da qui, ma non ci credono più»

Andrea Turco

«Palermo città della cultura, dateci una scuola che sia sicura». O ancora: «Scuola, palestra, sala teatro: noi non faremo un passo indietro». I cori davanti piazza Pretoria sono intonati da tutti: docenti, bambini e mamme della scuola elementare Sciascia. Dallo Zen sono arrivati questa mattina davanti la sede del Comune per una protesta colorata e pacifica che chiede diritti, contro quella che Daniela Capitano - mamma di un alunno della Sciascia e che rappresenta il comitato dei genitori - definisce «una situazione intollerabile che va avanti da troppo tempo». 

L'istituto comprensivo Sciascia, che opera in un quartiere difficile come lo Zen, annovera 581 alunni. Che dal 27 novembre in gran parte restano a casa: i genitori infatti hanno scelto di non mandarli a scuola dopo il crollo del tetto dello scorso 27 novembre. «Ringraziando Dio i bambini si trovavano fuori perché alle 11 c'era un'assemblea - dice ancora Daniela Capitano - e il tetto è crollato alle 12. Sono salvi per miracolo. Vogliamo una scuola sicura ma non vogliamo rattoppi, e se siamo arrivati a questo lo dobbiamo proprio alla logica dei rattoppi. Il Comune ci deve ascoltare. Non entreremo più fino a quando non vedremo i muratori dentro la scuola». 

E il crollo del tetto è solo l'ultimo di una lunga serie di disfunzionalità: solo le aule del piano terra risultano agibili, i bagni non sono utilizzabili, anche il teatro risulta impraticabile da 10 anni e la palestra addirittura da 15. Ecco perché questa mattina in centinaia si sono presentati davanti la sede del Comune.  Dopo il sopralluogo di ieri alcune squadre del Coime hanno cominciato questa mattina una serie di lavori, anche se rimane poco chiaro di che entità saranno. Il timore è che siano interventi di lieve spessore, mentre la scuola avrebbe bisogno di una programmazione e di una prospettiva di ripristino ad ampio raggio. Altre strutture scolastiche hanno dato disponibilità provvisoria ad accogliere i bambini, ma le mamme - pur ringraziando - insistono sulla totale sicurezza della Sciascia. 

In mano molti bambini hanno una lettera natalizia. Ma invece dei classici doni la richiesta dei piccoli studenti è molto specifica: «Caro Babbo Natale, cosa chiederti per quest'anno? - si legge - Ho pensato a un regalo speciale, qualcosa che in realtà dovrebbe essere normale: avere una scuola dove studiare. Studiare è un diritto. Le maestre ci hanno detto che a scuola dovrei essere protetto. E allora perché nella mia scuola crolla il tetto?».  Per i bambini e le bambine dello Zen al momento si apre un'unica soluzione, ovvero quella dei doppi turni. Le mamme sono disposte ad accettarli solo se verranno garantiti tempi certi per la piena funzionalità dell'istituto.

«La situazione della scuola è davvero disastrosa - dice Carmela Chianetta, docente di italiano - I bambini vivono in un ambiente che non è per nulla decoroso. Le amministrazioni da 20 anni promettono di fare riparazioni per mettere l'istituto in sicurezza. Questa parola è venuta meno tante volte, il nostro preside ha richiesto interventi svariate volte. Adesso non chiediamo più solo il ripristino della sicurezza ma anche del decoro. Lo Zen è conosciuto solo per i fatti di cronaca più eclatanti, ma ci sono donne e bambini a cui manca la prospettiva del futuro. Dobbiamo spiegare che diritti e doveri hanno lo stesso valore, ma in una scuola che cade a pezzi non lo possiamo raccontare. È come se fosse una favola: c'è un mondo migliore fuori da qui, ma non ci crederanno mai».

«Noi insegnanti facciamo di tutto per regalare ai bambini momenti di aggregazione, cantiamo e facciamo teatro dentro le nostre classi - continua la docente - Ma non basta più. Le madri che sono presenti oggi e che sono state presenti nei giorni scorsi mentre preparavamo questa manifestazione sono mamme che sono diventate più consapevoli dei propri diritti e di quelli dei bambini. Lo Zen ha due volti: quello della criminalità che conosciamo e quello delle persone che vogliono risollevarsi. E la scuola in questo gioca un ruolo importante. I bambini così si sentono dimenticati e inferiori rispetto a quello che succede». 

A supportare la protesta c'è anche l'associazione Handala, che da dieci anni opera nel quartiere San Filippo Neri, conosciuto dai più come Zen. «Ci sono un'infinità di associazioni come la nostra - dice Lara Salamone - che si occupano di doposcuola, di far giocare i bambini all'aria aperta, di attività educativa di strada, di supporto alle mamme. Ma se poi la scuola è così fatiscente e le istituzioni non garantiscono che sia funzionante al cento per cento, il nostro lavoro a cosa serve?».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email