Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Chi è Settimo Mineo, dall'attentato scampato ai gioielli
«Era al numero 238 tra gli imputati del Maxiprocesso»

Un'attività tra i ranghi di Cosa nostra che sarebbe iniziata nei primi anni '80. La sua posizione saltò fuori grazie alle dichiarazioni di Tommaso Buscetta. Ormai ottantenne, avrebbe svolto un ruolo di mediazione tra le varie anime della mafia cittadina

Ambra Drago

Il gioielliere Settimo Mineo, conosciuto come Settimino, era inserito secondo i magistrati nell'organigramma di Cosa nostra fin dal 1984. Questo sarebbe l'anno ufficiale del suo esordio secondo quanto riportato nelle dichiarazione dei pentiti Tommaso Buscetta e Totuccio Contorno. «Voglio ricordare - esordisce Francesco Lo Voi, Procuratore capo di Palermo - l'ordinanza a firma di Giovanni Falcone che portò al Maxiprocesso, dove proprio Mineo venne condannato a sette anni». 

«All'epoca - prosegue il capo della Procura palermitana -  le indagini del pool antimafia avevano scoperto un giro di assegni sospetti in cui era coinvolto lo stesso Mineo, insieme a personaggi di spicco quali Nicolò Greco e Salvatore Buscemi. Nel più grande processo alla mafia di tutti i tempi, Mineo venne condannato. Pena ridotta in appello a 5 anni e 4 mesi. Arrestato infine dagli uomini della squadra mobile nel 2006, ha scontato un'altra condanna a 12 anni. Questo è un segno che Cosa nostra non abbandona le sue regole e che i personaggi di rilievo possono tornare a ricoprire posti di rilievo».

E anche i collaboratori del giudice Falcone ne ricordano il nome, venuto fuori in quegli anni. «Lo ricordo benissimo - racconta Giovanni Paparcuri - come dimenticare quel mandato di cattura con il numero 323/1984 che portò al blitz soprannominato di San Michele? Nel rapporto Michele Greco +161, invece, Mineo non emergeva ancora. Fu grazie a Buscetta e al sistema accusatorio del Maxi che l'uomo oggi ottantenne è salito alle cronache, ben stampato alla 238esima posizione degli imputati». Settimo Mineo è anche scampato a un attentato nel 1982, agguato in cui è morto il fratello Giuseppe. Secondo i magistrati, incarnerebbe perfettamente la vecchia guarda che si mette in gioco per far risorgere la nuova mafia senza disdegnare del tutto anche aspetti come lo sviluppo della tecnologia, anche se sembra aver sempre preferito un basso profilo e soprattutto dei metodi molto prudenti. 

Carismatico e con doti di mediazione, l'anziano ritenuto il boss di Pagliarelli non usava telefonini per il timore di essere intercettato e si muoveva a piedi, anche per andare a trovare altri capi famiglia, secondo quanto emerso dalle indagini. In una Cosa nostra stordita dai numerosi arresti e alla ricerca di un riferimento saldo, Mineo è apparso come un buon punto di riferimento in grado di mettere d'accordo e fare interloquire le diverse fazioni. La Commissione provinciale palermitana, stando a quello che sarebbe emersa da questa operazione, con la nuova riorganizzazione si sarebbe assicurata una sua indipendenza e autonomia anche decisionale . Era stato Buscetta che nello stesso Maxiprocesso a evidenziare come la Commissione fosse la più importante, quella che secondo gli investigatori avrebbe dato l'indirizzo a tutta la Sicilia, anche a quella parte legata al latitante Matteo Messina Denaro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email