Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, Cupola 2.0: i nomi dei 46 fermati 
Colpo a Cosa Nostra, in manette i vertici 

Sono accusati a vario titolo, tra le altre cose, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni condotte con l'aggravante di aver favorito la mafia. Porto abusivo d'armi, intestazione fittizia di beni aggravata

Redazione

Smantellata la nuova cupola di cosa nostra. Sono 46 le persone fermate dai carabinieri che hanno condotto l'inchiesta coordinata dalla Dda di Palermo. Sono accusati a vario titolo, tra le altre cose, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni condotte con l'aggravante di aver favorito la mafia, porto abusivo d'armi, intestazione fittizia di beni aggravata. 

Si tratta di 

- Stefano Albanese, classe '84, presunto affiliato alla famiglia mafiosa di Polizzi Generosa

- Giusto Amodeo, classe '70

Filippo Annatelli, classe '63, ritenuto capo della famiglia di Corso Calatafimi

- Gioacchino Badagliacca, classe '77, presunto affiliato alla famiglia di Rocca Mezzo Monreale

- Filippo Salvatore Bisconti ritenuto capo mandamento di Belmonte Mezzagno-Misilmeri

- Giuseppe Bonanno detto Andrea, presunto affiliato alla famiglia mafiosa di Misilmeri

Giovanni Cancemi, classe '70, presunto affiliato alla famiglia mafiosa di Pagliarelli

- Francesco Caponetto, classe '70, ritenuto il numero due della famiglia di Villabate

- Francesco Colletti, classe '69, ritenuto capo del mandamento di Villabate

Giuseppe Costa, classe '82, presunto affiliato alla famiglia di Villabate

- Maurizio Crinò, classe '71, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

Rosalba Crinò, classe '89

Filippo Cusimano, presunto affiliato alla famiglia di Villabate

- Rubens D'Agostino, classe '75, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova, - Giuseppe Di Giovanni, classe '80, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova

Gregorio Di Giovanni, classe '62, presunto capo del mandamento di Porta Nuova

- Filippo Di Pisa, classe '73, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

- Andrea Ferrante, classe '75, presunto affiliato alla famiglia di Pagliarelli,

- Francesco Antonino Fumuso, classe '67, presunto affiliato alla famiglia di Villabate

- Vincenzo Ganci, classe '66, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

Michele Grasso, classe '75, presunto affiliato alla famiglia di Pagliarelli

- Simone La Barbera, classe '62

- Marco La Rosa, classe '81, presunto affiliato alla famiglia di Corso Calatafimi

- Gaetano Leto, classe '80, ritenuto il referente per il quartiere Capo all'interno della famiglia di Porta Nuova

- Michele Madonia, classe '70, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova

- Matteo Maniscalco, classe '55, presunto affiliato alla famiglia di Pagliarelli

- Luigi Marino, classe '74, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova

-  Pietro Merendino, classe '65, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

Fabio Messicati Vitale, classe '74, presunto affiliato alla famiglia di Villabate

- Giovanni Salvatore Migliore, classe '68, presunto affiliato alla famiglia di Belmonte Mezzagno

- Settimo Mineo, classe '38, ritenuto capo della commissione provinciale palermitana di Cosa nostra e capo del mandamento di Pagliarelli

- Rosolino Mirabella, classe '86, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova

- Salvatore Mirino, classe '67, presunto affiliato alla famiglia di Corso Calatafimi

- Massimo Mulè, classe '72, ritenuto capo del quartiere Ballarò all'interno della famiglia di Porta Nuova,

- Domenico Nocilla, classe '46, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

- Nicolò Orlando, classe '66, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

- Salvatore Pispiscia, classe '65, ritenuto elemento di vertice della famiglia di Porta Nuova

- Gaspare Rizzuto, classe '82, ritenuto capo della famiglia di Palermo Centro

- Michele Rubino, classe '60, ritenuto affiliato alla famiglia di Villabate

- Giovanni Salerno, classe '50, presunto affiliato alla famiglia di Porta Nuova

- Pietro Scafidi, classe '92, presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

- Salvatore Sciarabba, classe '50, ritenuto già a capo del mandamento di Misilmeri-Belmonte Mezzagno

- Salvatore Sorrentino, classe '65, ritenuto capo della famiglia di Villaggio Santa Rosalia, - Giusto Sucato, classe '69 presunto affiliato alla famiglia di Misilmeri

- Vincenzo Sucato, classe '44, ritenuto capo della famiglia di Misilmeri

- Salvatore Troia, classe '60, presunto affiliato alla famiglia di Villabate. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email