Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, 46 fermi: plauso unanime da parte delle istituzioni
«Continuare a colpire forza militare e potere economico»

Dal sindaco Leoluca Orlando a Salvini e Di Maio fino alla presidente di Confcommercio Patrizia Di Dio, sono diverse le reazioni arrivate oggi: «Cosa nostra non è vinta ma bisogna fidarsi dello Stato»

Redazione

Sono diverse le reazioni dopo l'operazione che ha portato oggi al fermo di 46 persone tra le quali anche Settimino Mineoritenuto l'erede designato di Totò Riina. Tra i primi a complimentarsi questa mattina con i militari che hanno eseguito questa operazione il sindaco di Palermo Leoluca Orlando: «Stamattina i carabinieri hanno arrestato il successore di Totò Riina ai vertici della Cupola provinciale della mafia. Grazie ad investigatori e militari per questo importante risultato. Continuare a colpire forza militare e potere economico della mafia è indispensabile per garantire libertà e democrazia». 

Seguono a ruota i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il primo ha espresso soddisfazione per il blitz di Palermo definendolo «uno dei più duri colpi inflitti dallo Stato alla mafia». E poi su Facebook ha sottolineato: «Mineo era stato infatti eletto erede di Totò Riina dopo la sua morte. Per questa gentaglia in Italia non c'è più spazio. Grazie ai carabinieri e al pool di magistrati che hanno portato a termine questa grande operazione!».

 Il ministro dell'Interno invece si è complimentato su tutte le operazioni condotte oggi dalle forze dell'ordine: «Quarantasei mafiosi, colpevoli di estorsioni, incendi e aggressioni, sono stati arrestati poche ore fa dai carabinieri in provincia di Palermo, le buone notizie non finiscono qui. Altri 15 mafiosi nigeriani sono stati arrestati a Torino dalla polizia, che poi ha ammanettato altri 8 spacciatori (titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari e clandestini) a Bolzano. Grazie alle forze dell'ordine! La giornata comincia bene!». 

E Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo ha sottolineato come l'operazione dei carabinieri contro la nuova cupola di Cosa nostra sia «la conferma del fatto che la mafia non è ancora vinta ma che bisogna fidarsi dello Stato e delle forze dell'ordine il cui lavoro è incessante e quotidiano e sta portando a risultati straordinari». Di Dio, commentando l'operazione dei carabinieri ha poi aggiunto: «La mafia che si infiltra nell'economia cittadina è un pericolo, un attentato contro l'economia legale e la libera concorrenza, per questa ragione, nel rinnovare i sentimenti di profonda gratitudine ai carabinieri e alle forze dell'ordine e alla magistratura per l'opera svolta a tutela dei cittadini onesti, invitiamo tutti gli imprenditori e i commercianti a schierarsi sempre dalla parte dello Stato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email