Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Diritto alla casa, l'iniziativa di SC allo Zen
«Da Regione e Comune cambio di passo»

Redazione

Un primo importante confronto per rimettere al centro dell’agenda politica il tema della casa e del contrasto alle marginalità. All'incontro, organizzato stamattina allo Zen di Palermo da Sinistra Comune, hanno partecipato oltre ai rappresentanti di associazioni e sindacati, l’assessore del Comune di Palermo Giuseppe Mattina, la consigliera comunale Katia Orlando, la portavoce di SC Mariangela Di Gangi e il presidente della commissione regionale antimafia e anti corruzione Claudio Fava.

«Gli Iacp - ha detto Fava - sono mantenuti in vita solo per distribuire poltrone. Sulla povertà e i diritti, come quello alla casa, la Sicilia versa in condizioni drammatiche. Gli IACP sono strumenti inadeguati a fronteggiare il dramma della casa, utili solo per distribuire posti e poltrone. Per questo vanno superati garantendo una struttura regionale con risorse economiche adeguate e massima trasparenza per le politiche abitative. in questo senso lavoreremo dentro e fuori l’Assemblea Regionale».

«Da gennaio finalmente sarà attiva l'Agenzia per la casa del Comune di Palermo - ha spiegato Giuseppe Mattina - e si conferma l'impegno ad affrontare in maniera unitaria e con una programmazione partecipata le problematiche abitative, a partire dalla futura programmazione della parte relativa ai servizi del Fondo nazionale di contrasto alla povertà. La situazione cittadina non è semplice ma abbiamo gli strumenti e le risorse per andare avanti con decisione per sostenere le persone più fragili».

«Proporremo in Consiglio comunale che la discussione sui regolamenti relativi al diritto alla casa si svolga in tempi brevi - ha assicurato Katia Orlando. La loro approvazione è uno strumento di cui l'Amministrazione non può fare a meno per una programmazione politica che rimetta al centro il diritto all'abitare, fuori dalla logica dell'emergenza abitativa».

Per Mariangela Di Gangi: «L'Amministrazione comunale, nonostante gli sforzi profusi, non riesce ancora a garantire risposte rapide, soprattutto in riferimento all’accoglienza in emergenza. Estendere i termini per la sanatoria e la regolarizzazione degli occupanti, ad esempio, può essere l’inizio di una nuova stagione, ma da sola non basta. Servono provvedimenti che evitino alle famiglie di dover occupare. Condividiamo l’approccio dell’Amministrazione che vede nella presa in carico complessiva dei bisogni delle persone la soluzione, e per questo serve urgentemente l’avvio di una strategia complessiva, che incroci gli interventi di Regione e Comune».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email