Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Fincantieri, presto accordo di programma per gli investimenti
Il ministro Di Maio: «Sia punto riferimento nel Mediterraneo»

Il vicepremier promette di tornare a Palermo entro la fine dell'anno con un incontro in prefettura: l'obiettivo è stipulare un accordo con l'azienda per il rilancio dei cantieri. Tanti i nodi irrisolti sui quali i sindacati chiedono certezze

Antonio Mercurio

«Adesso dobbiamo aprire subito un tavolo su Fincantieri con tutti i soggetti coinvolti. L'obiettivo è un accordo di programma per gli investimenti che porti a far funzionare i bacini adesso inutilizzati e fare diventare questo polo uno fra i più importanti del Mediterraneo». Ad annunciarlo è il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio al termine della visita ai cantieri navali di Palermo, accerchiato da decine di operai dell’indotto. Una visita attesa da tempo dai lavoratori e sindacati che aspettano un rilancio dell’attività cantieristica, ormai ferma da 15 anni, e che oggi conta 421 unità impiegate a tempo indeterminato. Nel capoluogo siciliano, infatti, non si producono più navi ma solo tronconi e pezzi poi assemblati dai cantieri del gruppo al Nord Italia.

Di Maio, che ha incontrato da solo maestranze e organizzazioni sindacali, ha ribadito che «c'è tutta la volontà del Governo per investimenti tali da consentire a Fincantieri di essere il punto di riferimento del Mediterraneo. Ci aspettiamo allo stesso modo che un impianto come quello di Palermo sia preso in considerazione come strategico da Fincantieri». Il messaggio, seppur tra le righe, è molto chiaro: se lo Stato investe le risorse per la ristrutturazione dei bacini, essenziali per la costruzione di navi, si chiede però a Fincantieri di garantire i livelli occupazionali e nuove commesse. Tra i grandi interrogativi, infatti, pesa il destino dei tre bacini di carenaggio: i due da 19 mila e 52 mila tonnellate di proprietà della Regione siciliana, e quello da 150 mila tonnellate di proprietà dello Stato. 

«Per quest’ultimo, l’autorità portuale ha già speso quasi 30 milioni di euro per la bonifica - spiega Francesco Foti, della Fiom Cgil - ora il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli convochi un tavolo per finanziare l’opera. Per completarla servirebbero circa 70-80 milioni di euro, di cui una parte erogati dall’autorità portuale e la restante quota dal ministero». Un mistero, invece, rimane il destino dei due bacini regionali ormai in disuso e dichiarati inagibili: «Anche su questo abbiamo chiesto al ministro di intervenire con la Regione affinché prenda posizione. Di fatto Musumeci non ci ha mai convocato, abbiamo parlato una volta con l’assessore Turano ma non è servito a nulla».

Infine, rimane sul tavolo il mistero dell’acquisizione del cantiere Tre Maggio, a Fiume, in Croazia da parte di Fincantieri. Da mesi girano le voci di una offerta, una lettera d’intenti, che il colosso italiano avrebbe fatto al gruppo polesano Scoglio Olivi, attualmente alle prese con una crisi di liquidità. In attesa di conferme, crescono i dubbi dei lavoratori che proprio stamane hanno affidato i loro timori al ministro, chiedendo di fare luce: «Il cantiere palermitano e quello croato sono per certi versi sovrapponibili perché si occupano entrambi di riparazioni - è il ragionamento di Foti - è chiaro però che lì il costo del lavoro è minore e noi potremmo ritrovarci con una concorrenza in casa che ci penalizzerebbe. Abbiamo chiesto al ministro di intervenire e lui ci ha dato ampie rassicurazioni».

Tutto rimandato, quindi, al prossimo tavolo che Di Maio ha promesso si svolgerà entro la fine dell’anno: «Aspettiamo con ansia questo incontro che non si svolgerà al Mise ma in prefettura con tutti i soggetti coinvolti, perché non c’è più tempo da perdere. Speriamo che ora - conclude Foti - dalle parole si passi finalmente ai fatti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email