Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Gesti, riti e silenzi: fotografia del linguaggio mafioso
«Impenetrabile, perché spesso parla senza parlare»

C'è soprattutto quello che la mafia non dice nel libro del ricercatore di linguistica italiana Giuseppe Paternostro, che ha studiato intercettazioni, toni, espressioni e pizzini per raccontare in profondità Cosa nostra. «Persino la parola che ha scelto per identificarsi esiste solo in quanto alibi per giustificare, all'occorrenza, la propria inesistenza»

Silvia Buffa

Si può tradurre la mafia, con i suoi rituali, la sua gestualità, il suo gergo? Pur non essendone parte integrante? Ci ha provato Giuseppe Paternostro, ricercatore di linguistica italiana che firma il libro Il linguaggio mafioso, edito da Aut Aut e presentato ieri pomeriggio alla Casa della Cooperazione, in via Ponte di Mare. Di Cosa nostra e dei suoi padrini analizza modi di fare e di parlare, toni di voce e inclinazioni, espressioni e pizzini. Trasformando il volume in uno strumento conoscitivo e di approfondimento di quello che quest'associazione criminale dice e, soprattutto, di quello che non dice. «La sua caratteristica più pregnante è questo parlare senza parlare - spiega l'autore -. La mafia è molto altro del semplice non parlare, del semplice silenzio, dell'omertà. Proporrei di togliere il termine "silenzio" e usare "ambiguità", perché quello della mafia non è insomma un linguaggio assente ma un linguaggio ambiguo, è attraverso il suo dire e non dire che si rapporta col mondo esterno».

Ma indagare un'associazione che fa del silenzio la sua cifra costitutiva non è semplice. «La parola stessa che la identifica, "mafia", è un alibi che utilizza da sé, di cui si appropria per poter dire, al momento giusto, di non esistere neppure - dice Paternostro -. Perché è così, la parola l'hanno inventata i mafiosi stessi, si sono appropriati di una confusione. E questo non è che un nome sfruttato casualmente, ripreso forse da quelle istituzioni che lo usarono anni e anni addietro; la prima volta appare in un rapporto ufficiale del 1865 del prefetto di Palermo, che forse si ricordava di una messa in scena di due anni prima che si chiamava I mafiusi della vicaria». Secondo l'autore, per carpire qualcosa di un'associazione ancora oggi poco penetrabile e poco conosciuta potrebbe servire ascoltare i momenti di confronto in aula tra mafiosi imputati e pentiti. 

Uno sforzo che di fatto, però, non ce ne restituirà mai del tutto i misteri, i dettagli. Un linguaggio forse destinato a restare criptico, mai venuto fuori del tutto, «malgrado i suoi gesti, i suoi toni di voce, persino il suo deambulare ci permettano, a noi siciliani soprattutto, di riconoscere qualcosa», osserva Salvo Vitale, storico compagno di battaglie di Peppino Impastato. Insieme anche a Faro Di Maggio: «Non sono un mafioso quindi non posso parlare del linguaggio dei  mafiosi - dice subito -. Posso parlare però di un linguaggio antimafioso. Come quello usato attraverso Radio Aut negli anni '70, una sorta di avanguardia del linguaggio contro la mafia: Cinisi era Mafiopoli, corso Umberto era corso Liggio, Gaetano Badalamenti era Tano Seduto». Un linguaggio nato in quel periodo, con quei ragazzi che parlavano di altro, e non solo di politica o di quello che questa imponeva attraverso una linea nazionale.

Un'antimafia giovanile, studentesca e di movimento «che comincia a porsi il problema, a dispetto della politica che fino a quel momento era stata protagonista di tutti i discorsi. Il problema della mafia. Quella che per tutti, a sentirli parlare, nemmeno esisteva, tutt'al più era un fenomeno delinquenziale, ma nient'altro - ricorda Di Maggio -. Per noi invece era una piovra che voleva sostituirsi alle istituzioni. Eravamo un giornale di controinformazione, dicevamo cose che nei giornali normali erano relegate in qualche trafiletto, se andava bene, ponendoci domande, riflessioni, problemi che gli altri non si ponevano». «Quindi no - torna a dire -, non so molto del linguaggio di un mafioso. So però cosa significa dire che "la mafia è una montagna di merda". Nessuno aveva mai parlato così, noi abbiamo fatto una scelta culturale, mentre in quel momento a livello nazionale si andava in un'altra direzione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.