Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Omicidio Fragalà, in aula la versione degli imputati
«Accusa ingiusta, avete fatto un errore clamoroso»

Oggi è stata la volta di Paolo Cocco e Francesco Arcuri, che a settembre si erano rifiutati di affrontare l’esame davanti ai giudici. Gli stessi che per Siragusa, anche lui a processo per il delitto, non ci sarebbe nemmeno stati la sera dell’aggressione. «Francesco Chiarello è un bugiardo, io non ho mai fatto del male a nessuno»

Silvia Buffa

«Io sono innocente». Non la smette di ripeterlo, Paolo Cocco, davanti ai giudici della prima corte d’assise, dove si sta celebrando il processo per l’omicidio dell’avvocato Enzo Fragalà. Un mese fa a sedere al suo posto davanti ai giudici era stato un altro imputato, Antonino Siragusa, che ha ribadito più volte l’estraneità nell’omicidio proprio di Cocco e di un altro a processo con loro, Francesco Castronovo. «Loro quella sera con noi non c’erano proprio». Versione ripetuta anche oggi in aula. Eppure a parlare per Cocco ci sono anche le intercettazioni agli del processo, in cui lui palesa l’evidente preoccupazione di essere coinvolto nelle indagini sull’omicidio, dopo le dichiarazione del collaboratore Francesco Chiarello. «Per il fatto dell’omicidio può essere che mi vengono a cercare, c’ero pure io». Perché dice questa frase alla moglie? «Perché c’era stato di mezzo già mio suocero, Salvatore Ingrassia, e sapevo che Chiarello non mi poteva vedere. Avevo paura che mi metteva in mezzo, il senso era "vuoi vedere che dice ca c’era puru io?". Io l’ho detto ingenuamente, sapevo che lui mi voleva rovinare».

Fra Cocco e Chiarello, infatti, non sembra correre buon sangue. «Era una persona che s'annacava troppo, mi infastidiva, mi stuzzicava, ho avuto delle liti con lui - racconta l’imputato in aula -. Attaccavo a mezzanotte al mercato ortofrutticolo, alle tre spesso avevo già finito e me ne andavo nella piazza del borgo. Una sera mi chiese se avevo visto chi gli aveva rubato la macchina, visto che io ero sempre lì di notte, a Borgo Vecchio. Ma io non avevo visto nulla e lui mi accusò di essere io allora il responsabile». E nemmeno con la moglie di lui i rapporti sembrano migliori. La incrocia nella sala colloqui del Pagliarelli, un certo che è andato a trovare il suocero in galera: «Lei mi disse “non ti preoccupare che prima o poi te l'amo a fari paari».

«Sono un ragazzo che scherza con chiunque, mi conosce tutto il quartiere, sono un ragazzo vivace», così si racconta ai giudici di Palermo. Ma tutta la sua allegria sparisce di colpo quando Chiarello inizia a parlare coi magistrati. «Al mercato ortofrutticolo, dove lavoravo, mi avevano detto per scherzare che stavano facendo degli arresti al Borgo, io mi sono spaventato, sapevo già che Chiarello aveva fatto accuse contro di me, per questo ero spaventato. Mi sono sentito accerchiato, umiliato, non capivo, avevo paura. Sentivo che rischiavo per un’accusa ingiusta. Chiarello è un bugiardo, io non ho mai fatto del male a nessuno - continua -. Mi conosco tutti al Borgo, avevo 21 all’epoca, qua è stato fatto un errore clamoroso, è 20 mesi che sono in carcere e solo ora ho la possibilità di dire queste cose». Anche se in realtà il suo esame avrebbe dovuto essere a inizio settembre, ma lui si era rifiutato di parlare.

Sgomento anche quando, nel 2015, sua moglie trova per caso una microspia in cucina, aumentando a dismisura il panico di Cocco. «Non capivamo cos’era, c’erano delle antenne e delle batterie, sembrava una bomba. L’ho fatta vedere a due amici, Domenico Tantillo e Antonio Tarallo, mi hanno detto che era una microspia». Gli stessi che, intercettati, gli chiedono se per caso abbia detto qualcosa di compromettente, parlando magari di qualche omicidio. Perché quella domanda? «Solo perché lo sanno che sono uno vivace, uno che scherza, ho solo detto che le tre persone prese nel 2013 tra cui mio suocero erano innocenti». Dopo Cocco a sedere sul banco è Francesco Arcuri, anche lui estranei al delitto secondo la versione fornita un mese fa da Siragusa. Sono tante comunque le intercettazioni che gli contesta il pubblico ministero, ma puntualmente lui risponde che non ricorda, «sono passati anni ormai, non lo so cosa volevo dire». Frasi del tipo «lui se n’è andato col sangue in bocca» o quella che gli rivolge Abbate, imputato anche lui per l’omicidio Fragalà, «lo prendi il martello? Come ci rompi la testa? Ce la rompi la testa, ci devi ballare di sopra». Che Castronovo minimizza: «Non ricordo, può essere che parlavo di un cane, della testa di un chiodo. O può essere pure che uno scherza, parlo con una persona e gli dico “minchia a chistu l’ammazzari a lignate” ma si tratta di dargli due schiaffi, il palermitano si esprime così».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×