Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Casteldaccia, proprietari della villetta già condannati nel 2010
In mancanza della demolizione doveva intervenire il Comune

Le carte sono state acquisite dalla Procura di Termini Imerese, che indaga per disastro colposo e omicidio colposo. Nel caso in cui i proprietari della casa in cui sono morte nove persone per l'esondazione del fiume Milicia, non avessero proceduto autonomamente la palla sarebbe passata al sindaco

Redazione

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Antonino Pace e Concetta Scurria, i proprietari della villetta abusiva in cui sono morte 9 persone travolte dalla piena del fiume Milicia, sono stati processati e condannati a tre mesi di arresto, pena sospesa, e a 23.500 euro di ammenda, per abusivismo edilizio nel 2010. La sentenza, che e' diventata definitiva l'11 febbraio del 2012, ordinava anche la demolizione del manufatto irregolare che non è stato mai abbattuto.

Il primo verdetto era stato emesso dal giudice monocratico di Termini Imerese il 29 aprile del 2010. L'appello lo ha confermato e non è mai stato impugnato in Cassazione. Le carte processuali sono state acquisite dalla Procura di Termini Imerese che indaga per disastro colposo e omicidio colposo. Il fascicolo sarebbe ancora a carico di ignoti. L'ordine di demolizione contenuto nella sentenza di condanna riguarda i proprietari dell'immobile irregolare. Qualora i proprietari non siano più in vita, o abbiano nel frattempo venduto l'immobile, l'obbligo di abbattere spetta agli eredi o agli acquirenti. Se chi avrebbe il dovere di demolire non ottempera all'ordine del magistrato devono procedere il sindaco del Comune in cui si trova il manufatto abusivo e il capo dell'ufficio tecnico comunale. In ultimo, in caso di inerzia di tutti gli obbligati, dovrebbe intervenire, al termine di una complessa procedura, la magistratura.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×