Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tragedia Casteldaccia, negozi chiusi durante corteo funebre
«Conoscevamo tutta la famiglia, è stato un dolore straziante»

Saracinesche abbassate in segno di rispetto per il lutto cittadino, ma anche per Giuseppe Giordano, il capofamiglia sopravvissuto all'esondazione, che gestisce un'attività in via Lascaris. I feretri sono arrivati alla cattedrale di Palermo scortati da una folla di gente che ha voluto fare sentire la propria vicinanza alle vittime

Ambra Drago

Foto di: Ambra Drago

Foto di: Ambra Drago

È il giorno del dolore e del lutto cittadino. Il tiepido sole non è riuscito a spazzare la tristezza per una tragedia che ha unito Casteldaccia a Palermo ma la nazione intera. La prima saracinesca abbassata è quella del negozio di via Lascaris, Cirino moto, gestito dal sopravvissuto Giuseppe Giordano. A pochi passi nell'attesa dei feretri accompagnati dalla banda musicale la compostezza dei residenti di via Imera. «Conoscevo Giuseppe e tutta la sua famiglia - racconta Giovanni Cappello, titolare insieme al padre dell'omonima pasticceria - un dolore straziante. In segno di lutto abbiamo deciso insieme a tutti i dipendenti di abbassare la saracinesca».

A scortare le salme un'auto della polizia municipale e due motociclisti. Ai bordi delle strade curiosi e residenti. «Ancora non posso crederci - racconta una donna - io non solo conoscevo tutta la famiglia Giordano ma mio figlio era compagno di Federico (morto nel tentativo di salvare la sorellina Rachele di appena un anno ndr). Credo che non ci siano parole per questo». L'auto grigia con le salme si è spostata lentamente per raggiungere la cattedrale muovendosi in un perimetro da ieri delimitato dalla Municipale e che ha chiuso la zona da corso Vittorio Emanuele ai Quattro Canti. «In segno di solidarietà i commercianti dell'associazione Cassaro Alto - racconta il presidente Giovanna Analdi - hanno deciso di chiudere momentaneamente le attività anche nel rispetto del lutto cittadino».

Davanti la cattedrale la preside dell'istituto Enrico Meli, che ha deciso di partecipare alla celebrazione. «L' Istituto ha sentito la necessità di essere qui spontaneamente - racconta il dirigente scolastico Giovanna Battaglia - a scuola sono rimasti solo un centinaio di ragazzi. Molti di loro hanno chiesto di accompagnare il feretro da piazza Ingastone». Un' atmosfera surreale segnata dai fiori all' ingresso del portale e dal suono delle campane.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×