Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Casteldaccia, il premier Conte in prefettura dopo la tragedia
«Governo darà le somme per i primi interventi e la viabilità»

Dopo aver sorvolato le zone colpite dall'esondazione del fiume Milicia, che ha spazzato via nove vite, il presidente del consiglio ha presieduto il briefing di via Cavour. «Abbiamo messo a disposizione un miliardo per il ministro dell'Ambiente per salvaguardare il territorio e le vite umane»

Ambra Drago

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è arrivato a Palermo in tarda mattinata. Dopo aver sorvolato i luoghi della tragedia e aver fatto visita ai familiari delle vittime di Casteldaccia al Policlinico, è arrivato in prefettura per un briefing con tutte le interforze. Ad accoglierlo la prefetta  Antonella De Miro, insieme al capo dipartimento della protezione civile nazionale Angelo Borrelli, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il questore Renato Cortese, il comandante provinciale della guardia di finanza Giancarlo Trotta e il comandante provinciale dei carabinieri Antonio Di Stasio.

Il premier subito dopo ha incontrato la stampa. «Ho deciso di venire dopo la tragedia nel Palermitano che ha seminato nove vittime. Ma tengo in considerazione anche quei turisti tedeschi sorpresi dalle precipitazioni e che non ce l'hanno fatta. Sono tragedie che vedono il governo vicino ai familiari, ho incontrato Giordano al Policlinico - dice il premier, alludendo a uno dei sopravvissuti di Casteldaccia -. Ma voglio ringraziare sempre la macchina della protezione civile e di tutti i corpi coinvolti nel soccorso. Il primo obiettivo è ripristinare la viabilità, il governo è concentrato sull'ammodernamento del sistema infrastrutturale e lo stiamo facendo con la manovra di bilancio. Sono investimenti che richiedono un intervento di medio e lungo termine».

                          

Scendendo nel dettaglio su quali provvedimenti potranno essere presi in un arco di tempo più immediato, il premier è stato conciso e lapidario. «Ho annunciato che al Consiglio dei Ministri porteremo le ragioni dell'emergenza e la Sicilia ha già fatto al sua richiesta e stanzieremo le prime somme». Il premier Conte sottolinea quali interventi dovranno essere portati avanti e non solo in Sicilia, ma a livello nazionale. «Ho già detto che c'è una vigile attenzione su questo fronte e riguarderà sia le infrastrutture immateriali che materiali - spiega -. Abbiamo messo a disposizione un miliardo per il ministro dell'Ambiente per salvaguardare il territorio e le vite umane e ulteriori 59 milioni per regolare i flussi d'acqua. È necessario avviare e completare un'opera per mettere in sicurezza il sistema idrogeologico. La sicurezza delle vite umane va salvaguardata. Abbiamo registrato qualche intoppo burocratico ad esempio anche solo per abbattere un albero. Dobbiamo orientare nuovamente la legislazione e superare le lungaggini burocratiche».

Le regioni più martoriate sono Calabria, Sardegna, Sicilia, basso Lazio e le province autonome di Trento e Bolzano. «La settimana prossima faremo un Cdm straordinario e la Sicilia, che ha già chiesto un primo intervento, è stata presa in considerazione e dopo questi fatti sarà chiamata a riformulare la sua richiesta. Noi daremo le somme per mettere a punto il primo intervento e per ripristinare il sistema viario, ma andranno successivamente reintegrate». Nel territorio siciliano è intervenuto tra le varie forze è intervenuto anche l'esercito. «Nella riunione operativa che abbiamo appena concluso in prefettura loro si sono seduti al tavolo, a loro fino ad ora è spettato il compito di ripristinare la viabilità insieme ai tecnici dell'Anas. Al momento nel Palermitano ci sono Comuni isolati, ma nelle prossime ore contiamo che il sistema viario sia risistemato».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews