Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tragedia Casteldaccia, il premier Conte vola a Palermo
Sindaco: «Il fiume Milicia non aveva mai dato problemi»

Il presidente del consiglio è in partenza da Roma per stabilire, presso la sede della prefettura, un primo piano d'emergenza. Il primo cittadino Giovanni Di Giacinto è rimasto per tutta la notte sui luoghi della tragedia che ha spazzato via un'intera famiglia. «Inspiegabile, qui non ha neanche piovuto così tanto»

Ambra Drago

«Sono rimasto sul luogo della tragedia fino a quando i soccorritori non hanno estratto l'ultimo corpo. L'ho fatto umanamente, prima ancora del ruolo che ricopro come sindaco di Casteldaccia. Io conosco solo una vittima, Nunzia Flamia, ma posso dire che le altre otto vittime non avevano la residenza a Casteldaccia quindi ritengo che usassero la casa come luogo di villeggiatura». Ha la voce rotta dal dolore il sindaco Giovanni Di Giacinto, insediatosi al Comune tre mesi fa e che con fatica cerca di capire cosa sia successo.

La tragedia che ha colpito il Comune del palermitano, con due nuclei familiari spazzati via dalla furia del fiume Milicia e dai detriti che in poco tempo si sono impadroniti del luogo, ha creato grande scalpore. Tanto che il premier Giuseppe Conte ha appena annunciato la sua partenza immediata per Palermo, dove incontrerà - alla camera mortuaria al Policlinico -i sopravvissuti e i parenti delle vittime. Per poi recarsi in prefettura e stabilire un primo piano d'emergenza per la zona.

«L'abitazione non si trova sugli argini del fiume - continua il sindaco - ma a circa 100 metri e tra l'altro prima c'è è anche una strada, ecco perchè non mi spiego come questa mole d'acqua e i detriti abbiano seminato morte. Il fiume Milicia non ha dato mai nessun problema. Bisogna considerare che è un corso d'acqua che parte da territori interni come Ciminna per poi giungere qui. Quello che è accaduto è inspiegabile anche perchè da noi non ha piovuto tanto probabilmente si è ingrossato a monte».

Su parte della Sicilia e in particolare sul Palermitano la protezione civile aveva diramato lo stato d'allerta massimo, cioè il bollettino rosso, ma il primo cittadino tende a precisare e a spazzare via ogni dubbio. «Da noi in base ai comunicato e alla macchina organizzativa - continua Di Giacinto - lo stato d'animo allerta era arancione, ripeto poi questo corso d'acqua non ha creato mai problemi». Nel luogo della villetta in contrada Bodale sono intervenuti tempestivamente i vigili del fuoco con una squadra di sommozzatori la polizia, i carabinieri, vigili urbani e la protezione civile.

«Hanno fatto tutti il possibile - sottolinea Di Giacinto- c'era l'intera macchina organizzativa nei casi di emergenza, a loro dico un grazie». Se la macchina dei soccorsi ha profuso ogni sforzo, il primo cittadino sottolinea come in generale occorre sostenere i Comuni soprattutto per ciò che riguarda la manutenzione e la sicurezza. «Non è il momento di fare polemica- conclude Di Giacinto- perchè ognuno deve piangere i suoi morti, ma auspico maggiore operatività e sostegno anche a noi sindaci che spesso per mancanza di fondi ci troviamo in difficoltà. Serve meno burocratizzazione, anche se devo dire che noi sindaci abbiamo le spalle larghe nel trovarci ad affrontare le emergenze».

Intanto al Policlinico di Palermo resta Giuseppe Giordano, 35 anni, l'unico sopravvissuto alla tragedia.  Attorno a lui familiari e amici piangono e lo abbracciano.«Ho perso tutto, non ho più' nulla, mi rimane solo mia figlia», dice inconsolabile l'uomo. L'uomo ha perso la moglie, il padre, la madre, il fratello, la sorella e due figli, un ragazzo di 15 anni e un bambino di un anno. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews