Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, il 13 novembre nuovo confronto al Mise
Fiom: «Conferme su ammortizzatori e rilancio»

Dopo la visita del ministro Di Maio a Termini, arriva finalmente la convocazione al ministero. Ad annunciarlo è Roberto Mastrosimone che, assieme ai rappresentanti delle altre sigle sindacali, siederà allo stesso tavolo per affrontare i nodi del progetto industriale palermitano: «Ci aspettiamo la presenza del ministro del Lavoro»

Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

Foto di: Antonio Mercurio

«In questi giorni ci è arrivata notizia della convocazione al ministero: speriamo si chiuda la partita degli ammortizzatori sociali e che si faccia chiarezza sul ruolo di Blutec. Ci auguriamo che il 13 possa essere una giornata di svolta rispetto a questa vertenza». Dopo la visita del ministro Luigi Di Maio a Termini Imerese e l'annuncio davanti ai cancelli di Blutec, arriva finalmente la convocazione fissata per il 13 novembre alle 10 al Mise. Ad annunciarlo è il segretario della Fiom Cgil Sicilia Roberto Mastrosimone che, assieme ai rappresentanti delle altre sigle sindacali, siederà allo stesso tavolo per affrontare i nodi del progetto di rilancio del polo industriale palermitano, mai realmente decollato. Non è ancora chiaro, tuttavia, se proprio il ministro dello Lavoro e dello Sviluppo economico sarà presente all’incontro non avendo mai partecipato, fino a oggi, ai precedenti confronti.

«Noi abbiamo chiesto espressamente la presenza del ministro del Lavoro a quel tavolo - racconta Mastrosimone - visto che oltre alle questioni di natura industriale, rimane tutta da definire la question degli ammortizzatori sociali». Attualmente, infatti, su circa mille lavoratori rimasti dopo l'addio dell'azienda del Lingotto, solo 135 sono stati riassorbiti da Blutec, mentre altri 560 operai sono in cassa integrazione (in totale 700 ex Fiat), a cui si aggiungono i 300 licenziati dell’indotto. «Su questo punto abbiamo sollecitato che il 13 ci sia anche Di Maio per chiudere la partita del rinnovo della casa integrazione e definire anche la questione relativa dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dell’indotto, per i quali il 31 dicembre scade la mobilità in deroga».

Un passaggio delicato che richiede una modifica della norma che attualmente, per coloro che escono della Naspi, non prevede alcuna deroga: si tratta di circa 65 lavoratori (44 Ssa e 20 Manital). «Anche per loro - ribadisce Mastrosimone - chiediamo la possibilità di un rinnovo a partire dal prossimo anno». L’altro nodo fondamentale al centro dell’incontro riguarderà il ruolo di Blutec per il futuro di Temini: come ha più volte ripetuto il ministro, l'azienda dovrà dimostrare di mantenere le promesse fatte in questi anni nel rapporto con Fca (per quanto riguarda la conversione all’elettrico di veicoli commerciali) o, in caso contrario, si procederà all'ingresso di altri soggetti. «Su questo punto Di Maio è stato chiaro - aggiunge - Blutec deve dimostrare di avere basi solide. Noi ci attendiamo molto rispetto a questi due passaggi fondamentali». 

Un ultima questione riguarda il possibile ruolo di Fca: il vice premier nel corso della sua visita lampo ha assicurato che il «governo avrebbe richiamato Fca alle sue responsabilità», ma ancora non è chiaro in che modo lo farà. E, a complicare ancora di più le carte, la recente cessione del gruppo Magneti Marelli che prende la strada del Sol Levante. Fiat Chrysler Automobiles ha siglato oltre 10 giorni fa un accordo definitivo per la cessione del business della componentistica per autoveicoli Magneti Marelli a CK Holdings, holding di Calsonic Kansei, uno dei principali fornitori giapponesi di componentistica per autoveicoli. 

Un passaggio che potrebbe rimescolare le carte anche in vista della tanto annunciata produzione di veicoli elettrici nel Palemitano a partire proprio dal rapporto con Fca. «Una cessione che impensierisce a prescindere sia per le ricadute su Termini si per l’attività industriale in sé in Italia - riflette Mastrosimone - perché significa che Fca fa a meno di un’attività fondamentale per il futuro di questa azienda. È chiaro che si continua a non intervenire su quelle che possono essere le strategie di Fca nel Paese. Già noi ne paghiamo le conseguenze da più di 10 anni - conclude - scelte che penalizzano la nostra presenza industriale in Italia e nel settore automotive». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×