Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Spazio Franco, al via la stagione del teatro contemporaneo
«Solo artisti siciliani, la nostra è una mappatura del territorio»

Al padiglione 18 dei Cantieri Culturali da sabato 3 novembre va in scena l'anteprima della rassegna all'insegna della trasversalità. «Siamo uno spazio liquido che vuole riempire i vuoti» spiega l'attore e regista Giuseppe Provinzano. «La nostra è una scelta artistica e politica insieme»

Andrea Turco

«Siamo uno spazio liquido che vuole riempire i vuoti». Giuseppe Provinzano lancia così l'anteprima di Scena Nostra, la stagione teatrale che si terrà al padiglione 18, all'interno dei Cantieri Culturali della Zisa. L'attore e regista teatrale è tra i principali promotori di Spazio Franco che, pur essendo il più recente tra i luoghi culturali palermitani, si è già saputo ritagliare una propria fetta di pubblico. All'insegna della trasversalità. Ed è su questa scia che da sabato 3 novembre si inaugura un'anteprima della rassegna Scena Nostra, focus della scena teatrale contemporanea siciliana. Dal 2019, infatti, in collaborazione con la rete Latitudini, la rassegna vedrà avvicendarsi sul palcoscenico diverse realtà provenienti dal ricco e eterogeneo panorama teatrale Made in Sicily.  Prima della rassegna vera e propria, però, un'anteprima tutta palermitana composta da sei spettacoli e che andranno in scena fino al 30 dicembre. 

«La nostra è una scelta artistica e politica insieme - prosegue Provinzano - Ovviamente all'interno di Spazio Franco ci sarà spazio per produzioni nazionali, ma non dentro la rassegna Scena Nostra. Abbiamo infatti scelto di dedicarci con questa rassegna esclusivamente al teatro contemporaneo siciliano. L'idea ci ha consentito di realizzare una vera e propria mappatura, territorio per territorio. La stagione inoltre non sarà mai chiusa, di trimestre in trimestre rinnoveremo Scena Nostra guardando alle richieste che ci arrivano e alle risposte del pubblico». 

Si comincia giorno 3 e 4 novembre con Elle life, lo show della Compagnia Quartiatri, che torna sulle scene con il progetto vincitore del Premio Città Laboratorio promosso dal Comune di Palermo e dal Teatro Biondo, prodotto in residenza artistica allo Spazio Franco. Così, dopo l'anteprima alle Orestiadi di Gibellina, lo spettacolo apre la rassegna. Elle è una riflessione amara sul mito dell’individualismo occidentale. Un testo costruito a doppio binario tra il testo teatrale La chiave dell’ascensore di Àgota Kristóf e una drammaturgia originale sui rapporti di potere e l’incontro con l’altro.

In scena il 16 e il 17 novembre ci sarà poi Gabriele Ciciriello, brillante attore e drammaturgo emergente, che presenta (dopo l’anteprima alle Orestiadi di Gibellina), Con tutto il mio amare, menzione speciale al Premio Città Laboratorio. Una storia di dolore e di speranza che attinge dalla realtà palermitana: un giovane padre che si ritrova a vivere all'interno di un tunnel illuminato a tratti dalla speranza di ritrovare sua figlia, persa una domenica mattina a Mondello. Con Federica Aloisio, Valeria Sara Lo Bue e Gabriele Cicirello.

A fine novembre torna in scena La Prima, dopo l’anteprima dello scorso settembre all’ex Chiesa San Mattia dei Crociferi. Filippo Luna cura regia e adattamento scenico da un testo di Annalisa Bianchini. Un esperimento metateatrale e autoprodotto, che vede per la prima volta l'apprezzato attore palermitano alla regia, affinché una madre e una figlia possano confrontarsi, per cogliere l’occasione di sciogliere grumi di dolore mai elaborati. Con Chiara Muscato e Manuela Ventura e le musiche di Serena Ganci

A dicembre poi tre spettacoli per tre proposte rivolte a linguaggi scenici e pubblici differenti. Si parte il 16 dicembre con (una) Regina di Quintoequilibrio, progetto finalista del Premio Scenario Infanzia e in residenza artistica allo Spazio Franco: una storia dedicata al pubblico più giovane e alle famiglie. «Di solito a spettacoli del genere si riservano spazi particolari, noi invece l'abbiamo voluto proprio dentro la rassegna perché ci crediamo molto» spiega Provinzano. L'opera teatrale è di e con Stefania Ventura e Gisella Vitrano.

Spazio poi, il 19 e il 20 dicembre, a Un’ora tutta per me prodotto da Babel Crew, che sposta l’attenzione verso i linguaggi del teatrodanza. La coreografa e danzatrice Simona Argentieri e il regista Giuseppe Provinzano hanno tessuto un doppio filo che lega danza e teatro per raccontare una certa condizione femminile di genere, specchio deformante della nostra società contemporanea, che abbraccia tutte le donne senza escluderne nessuna. E lo hanno fatto trattando quella categoria di donna tra le più discusse, tra le più narrate, tra le più amate e le più cantate: le puttane. Lo spettacolo è vincitore del premio Forme originali di divulgazione del teatro contemporaneo indetto dal Ministero dei Beni Culturali.

Infine, almeno per quel che riguarda il mese di dicembre, va in scena l'adattamento - dall'omonimo romanzo con le musiche dell’omonimo disco- Un Mondo raro, il percorso sulle orme di Chavela Vargas dei cantautori Antonio Di Martino e Fabrizio Cammarata, che con la regia di Giuseppe Provinzano  danno prova del loro talento poliedrico in uno spettacolo teatrale sull'avventurosa vita della cantante messicana. Tra pupi, narrazioni e musiche, una storia di euforia e solitudine, di incontri folgoranti e struggenti addii, tra iniziazioni sciamaniche e amori travolgenti, infiammati da litri di tequila.

Due mesi insomma molto intensi per Spazio Franco. «Ci sarà pure tempo per un fuori programma» sorride Provinzano. Il 23 novembre infatti andrà in scena Volver, la seconda produzione del Progetto Amuni - il progetto di formazione attoriale per la costituzione di una Compagnia dei Migranti, che ha sede stabile allo Spazio Franco ed è vincitore del Bando MIgrArti 2017 e 2018. Lo spettacolo sarà presentato all’interno del Premio MigrArti, organizzato dal MIBAC, nei giorni 23, 24, 25 novembre, con la presentazione e premiazione delle sei migliori produzioni sul territorio nazionale che hanno coinvolto soggetti migranti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×