Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tris al Carpi, l'aereo è pronto per il decollo
Con questa compagnia c'è l'ok per il volo

Grazie alla vittoria ottenuta sul campo del Carpi, la seconda consecutiva in trasferta e la terza nelle ultime quattro gare, il Palermo si porta a ridosso della capolista Pescara e legittima le proprie ambizioni. Al Cabassi, contro un avversario ostico, ha fatto la differenza la maggiore qualità degli uomini di Stellone  

Antonio La Rosa

Foto di: Sky Sport

Foto di: Sky Sport

Ciò che è stato fatto a fatica fuori dal campo è riuscito bene sul terreno di gioco. Se il Palermo lunedì è decollato in ritardo da Punta Raisi a causa delle cattive condizioni meteo (ed è la seconda volta di fila che la comitiva rosanero in occasione di una trasferta arriva a destinazione con qualche intoppo), a Carpi la manovra per il decollo verso il vertice della classifica è stata effettuata con puntualità ed efficacia. Il 3-0 con cui la compagine di Stellone ha battuto gli emiliani - secondo successo di fila fuori casa e terza affermazione nelle ultime quattro partite - consente alla squadra di proseguire il volo ad alta quota e raggiungere il secondo posto ad una sola lunghezza dalla capolista Pescara. Contro un avversario più riposato in virtù della propria pausa nella precedente giornata e affamato di punti per riemergere dai bassifondi della classifica non era una gara facile quella che proponeva il secondo turno infrasettimanale della stagione. Le formazioni guidate da Castori, peraltro, sanno mettere il bastone fra le ruote degli avversari puntando molto sulla compattezza e sull’aspetto agonistico e proprio per questo motivo non sono facilmente battibili.

Ecco perché, nonostante l’evidente gap tecnico, un successo al Cabassi non era affatto scontato. Contro un Carpi da non sottovalutare (pericoloso nel primo tempo con Arrighini e nella ripresa con un colpo di testa di poco a lato di Buongiorno), solo a determinate condizioni il Palermo avrebbe potuto conquistare l’intera posta in palio e i rosa hanno portato a termine la propria missione. Al netto di qualche piccola turbolenza da mettere comunque in preventivo e dettata in questo caso dalla buona reazione dei biancorossi, che dopo avere subìto il gol dello 0-1 nella parte centrale del primo tempo hanno alzato il baricentro complice un calo di concentrazione degli ospiti, il volo è stato piuttosto confortevole. Merito del pilota (Stellone, che ha riproposto il 3-4-1-2 visto a Lecce, ha deciso di insistere con diverse rotazioni e ha avuto ragione un’altra volta) e del funzionamento degli strumenti di bordo a sua disposizione. Il 3-0, che forse è troppo severo per gli emiliani, è l’effetto della maggiore qualità degli interpreti rosanero. Giocatori che il Carpi non ha e che, soprattutto in B, sanno spostare l’inerzia di una gara.

Manca Trajkovski per squalifica? C’è Falletti pronto a sostituirlo e a celebrare la sua prima marcatura con la maglia rosanero con un diagonale di destro dando al match un preciso indirizzo dopo sei minuti di gioco. Puscas (decisivo al Via del Mare il 21 ottobre e titolare venerdì con il Venezia) parte dalla panchina? Dal mazzo il tecnico può pescare tranquillamente la carta Moreo. Che, in virtù dell'assist confezionato al 74’ per il quinto gol in campionato di Nestorovski in occasione ieri del sigillo definitivo, ha suggellato un’ottima prova condita da diversi spunti interessanti (nella ripresa l’ex Venezia è andato vicino al gol in due circostanze) e tanta generosità messa al servizio dei compagni. E poi ci sono elementi che, pur non essendo coinvolti nelle logiche di un turnover a cui in casa rosanero si stanno adeguando anche i portieri (al Cabassi ha parato Pomini e Brignoli è andato in panchina), garantiscono ugualmente elevati standard di rendimento.

Il riferimento, nello specifico, è alla prestazione maiuscola fornita dallo stakanovista Jajalo in grado, a prescindere dal gol del momentaneo 2-0 siglato con opportunismo su una respinta dell’ex di turno Colombi sugli sviluppi di uno schema su punizione, di dominare la zona nevralgica del campo con un mix di qualità, esperienza, fisicità e acume tattico lasciando una traccia significativa sull’incontro. Che i rosa, in dieci dal 65’ per il cartellino rosso rimediato da Rispoli per un intervento su Di Noia e in parità numerica alla luce dell’espulsione di Pezzi poco prima dell’intervallo, hanno vinto in terra emiliana segnando tre gol come avvenuto nella scorsa stagione ma questa volta senza subirne. Dettaglio, quest’ultimo, a cui alla fine ha prestato particolare attenzione Stellone che con veemenza ha spinto i suoi a fare il possibile per chiudere con la porta inviolata un match ormai in cassaforte. Input importante da parte di un allenatore che, consapevole dell’importanza dei dettagli nell’economia di una stagione, vuole trasmettere al gruppo un certo tipo di mentalità.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×