Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Carpi tappa importante nel viaggio dei rosa
Stellone: «Bisogna attaccare con equilibrio»

Il tecnico indica le linee guida da seguire nella gara esterna contro gli emiliani in programma domani sera. Sulla strada del Palermo c'è una squadra ostica, relegata nei bassifondi della classifica e guidata da un allenatore esperto. Si torna al 3-4-1-2: out Bellusci e Trajkovski, entrambi squalificati, e Murawski, in Polonia per motivi familiari 

Antonio La Rosa

Foto di: TeleRama

Foto di: TeleRama

Prosegue il viaggio della macchina targata Palermo ed ecco uno dei primi crocevia presenti lungo la strada che ha come destinazione finale la serie A. Sul cartello che indica questa specie di bivio, in entrambe le direzioni c’è scritto Carpi, tappa che nell’itinerario coincide con la gara esterna in programma domani sera alle 21 e valida per la decima giornata. E trattandosi di un bivio sono due i percorsi a disposizione del conducente. Una strada – ed è quella che verrebbe imboccata con un risultato negativo - è sconsigliata perché scomoda, senza illuminazione e con poche indicazioni. L’altra, percorribile in caso di vittoria, invece è molto meno tortuosa. È di fatto un rettilineo, adatto all’andatura che vuole tenere un mezzo potente come quello guidato da Stellone.

Dopo avere leggermente rallentato in occasione del pari interno con il Venezia, i rosanero vogliono tornare a spingere subito sull’acceleratore e creare le condizioni per guadagnare con continuità la corsia di sorpasso. Manovra non difficile ma subordinata ad alcune condizioni: una guida sicura e senza distrazioni e, a proposito della tappa di domani, la capacità di evitare sull’asfalto le buche preparate dal Carpi. Una compagine tradizionalmente ostica (nel campionato di serie B 2013/14 il Palermo perse contro gli emiliani sia all’andata al Cabassi, in un match caratterizzato dalla discutibile direzione dell’arbitro Candussio, sia nel match di ritorno al Barbera) e in grado di dare del filo da torcere ai rosanero. Che, pur essendo nettamente superiori come dimostrano i dieci punti di differenza in classifica, dovranno stare attenti a non cadere nelle trappole tese da una squadra guidata da un tecnico esperto come Castori e abile a far giocare male gli avversari. Gli emiliani, oltretutto, hanno bisogno di punti (sono ultimi a quota 5 con Foggia e Livorno) e saranno più riposati rispetto alla formazione di Stellone in virtù della loro pausa nell'ultimo turno di campionato.

«E anche per questo motivo noi avremo bisogno di forze fresche – ha sottolineato il tecnico rosanero nel corso della conferenza stampa odierna allo stadio Barbera – affrontiamo un Carpi che proverà a farci lo sgambetto difendendosi bene e cercando di spezzare la nostra manovra. Noi dovremo essere bravi a calarci nel loro gioco provando ad imporre le nostre qualità. Dovremo cercare di vincere mostrando un certo atteggiamento a partire dal primo minuto ma questo non vuol dire attaccare con frenesia. Bisogna farlo con intelligenza, con la testa e con equilibrio». Al tramonto della passata stagione, Castori riuscì alla guida del Cesena a frenare al Barbera la corsa del Palermo: «Fu una partita simile a quella che abbiamo giocato venerdì con il Venezia – spiega Stellone - Castori è un tecnico che ha vinto e ottenuto risultati con un metodo che va rispettato. Le sue squadre sono toste, difficili da superare sul piano fisico e abili a riconquistare palla. Noi cercheremo di fare la nostra partita sapendo che le poche occasioni che avremo andranno sfruttate con la massima precisione».

Per la sfida in programma domani al Cabassi, il tecnico romano effettuerà diversi cambi rispetto alla gara con il Venezia e proporrà una formazione simile (per modulo ed interpreti) a quella vista a Lecce lo scorso 21 ottobre. Formazione che sarà il frutto di un turnover ragionato ma condizionata anche da assenze pesanti come quelle di Bellusci e Trajkovski, entrambi squalificati, e di Murawski, tornato sabato in Polonia per motivi familiari. Il modulo sarà il 3-4-1-2: in difesa dovrebbe essere Pirrello, favorito su Szyminski e Accardi, a completare la linea a tre composta da Struna (recuperato in seguito all'infortunio alla spalla sinistra rimediato venerdì durante il match con il Venezia) e Rajkovic. A centrocampo, ballottaggio Haas-Fiordilino per una maglia al fianco di Jajalo. In avanti, sarà Falletti a supportare il tandem composto da Nestorovski e Moreo, in vantaggio nei confronti di Puscas il cui nome, intanto, figura tra i preconvocati della Nazionale maggiore per gli incontri di Nations League che la Romania giocherà contro Lituania e Montenegro il 17 e 20 novembre. E a proposito di preconvocati in Nazionale, nell'elenco della Guinea-Bissau (per le prossime gare di qualificazione alla Coppa d'Africa) al momento c'è anche Embalo, tornato nel frattempo tra gli effettivi rosanero dopo avere smaltito una sindrome influenzale e superato un problema al ginocchio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×