Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, Luigi Di Maio incontra operai a Termini Imerese
«Impegni certi o si cambia e se serve convoco la Fca»

Da un palchetto allestito per l’occasione, il vice presidente del Consiglio ha rassicurato lavoratori e sindacati assicurando allo stesso tempo non solo la continuità del progetto di rilancio industriale, ma anche quella degli ammortizzatori sociali per i 700 lavoratori ex Fiat e i 300 dell’indotto

Antonio Mercurio

«Stiamo aspettando entro novembre una risposta certa da Blutec sul mantenimento degli impegni che si è assunta, e sulle promesse che ha fatto. Altrimenti ci metteremo insieme a tutti i lavoratori, a tecnici del Mise e troveremo una soluzione». Quasi duecento lavoratori hanno atteso l’arrivo del ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio che stasera a Termini Imerese ha incontrato gli operai ex Fiat e dell’indotto. Da un palchetto allestito per l’occasione, il vice presidente del Consiglio ha rassicurato lavoratori e sindacati assicurando allo stesso tempo non solo la continuità del progetto di rilancio industriale termitano, ma anche la continuità degli ammortizzatori sociali per i 700 lavoratori ex Fiat e i 300 dell’indotto. Una visita, la sua, attesa da tempo, che è servita per spegnere, in parte, le polemiche legate all’assenza del Governo Lega-M5s dalla vertenza palermitana dal momento del suo insediamento fino a stasera. Per farlo, Di Maio ha ribadito più volte che non intende lasciare soli gli operai e ha puntato il dito, nemmeno in maniera velata, sull’azienda del dopo Fiat, la Blutec.

«Non deve passare il messaggio che siccome c’è qualche prenditore che sta facendo il furbo con i soldi degli italiani noi abbandoniamo gli operai - ha esordito prendendo la parola - Siete stati presi in giro tante volte dai Governi. Quando poi i Governi non si sono fatti rispettare facendosi prendere in giro dalla proprietà, siete rimasti nel tritacarne, tra incudine e martello. Sono venuto per dire che staremo sempre vicino ai lavoratori. Adesso c’è un momento nel quale o Blutec rispetta gli impegni oppure lo Stato si farà rispettare. Una cosa è certa: non vi abbandoneremo. Serve una soluzione subito per Blutec. Il mio grande sospetto e che qui ci ritroviamo davanti non a un imprenditore ma a un prenditore, che ha preso i soldi senza garantire l‘occupazione e la produzione». Poi l’annuncio forse più atteso dei lavoratori, la prosecuzione degli ammortizzatori: «Non dovete essere preoccupati per la data del 31 dicembre, venite al Mise e firmeremo l’accordo. Gli ammortizzatori sono strumenti di politica industriale. Non significa fare assistenzialismo».

«Bltuec a me preoccupa per un altro motivo», ha aggiunto il ministro rivolgendosi alla folla: «Per anni si è detto che se chiudeva uno stabilimento che faceva le auto a motore a scoppio, si doveva lavorare sulla riconversione per rilanciare l’auto elettrica. Noi qui rischiamo di danneggiare anche questa idea, dell’auto ibrida elettrica o della mobilità sostenibile come alternativa alle vecchie produzioni di auto e che invece qui rischia di fallire. Poi si dirà: ‘avete visto? Non si possono convertire le produzioni, non si può andare verso modelli ibridi’. La difesa di questo stabilimento e la difesa di un nuovo concetto di mobilità del futuro per non perdere i posti di lavoro». Infine, Di Maio non ha rsiparmiato una bordata a Fca: «Sono di Pomigliano d'Arco e abbiamo visto la Fiat prendere i soldi e poi un po' alla volta togliere le produzioni. Intendiamo chiamare Fca a tutte le sue responsabilità non solo qui ma anche su tutto il territorio nazionale. Avete il mio impegno e sarete convocati quanto prima - ha concluso -  Subito dopo le feste ci rivedremo e, se sarà necessario, convocheremo anche Fca».

Non è mancata, tuttavia, una coda polemica: il sindaco di Termini, Francesco Giunta, no ha gradito che il vice premier stasera ha incontrato sindacati e operai ma non il primo cittadino che lo aveva invitato in municipio. «Il passaggio da Termini Imerese del vice presidente del Consiglio nonché ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, è stata un'occasione mancata, ovviamente per il ministro stesso. Ha perso l'occasione per un confronto con le istituzioni cittadine, che peraltro avevano manifestato apprezzamento per quella che appariva un'apertura al territorio e non, come invece si è poi rivelata, un'apparizione dal sapore elettoralistico. Termini Imerese e gli operai della ex Fiat sono abituati alle passerelle dei personaggi meteora. Anche questa volta ce ne faremo una ragione, ma non deporremo le armi nell'interesse di tutti: disoccupati, inoccupati, disperati». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×