Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ballarò Buskers, magia delle arti di strada invade il centro
«Pronta ordinanza per istituire la Ztl nel mercato storico» 

Quest'anno la manifestazione, alla terza edizione, è inserita all'interno proprio della programmazione di Palermo Capitale della Cultura. Tra le strette vie e le piazze colorate di una zona in piena rinascita si terrà la tre giorni all'insegna delle arti circensi, della musica, della poesia, del teatro

Stefania Brusca

«Capitale italiana della cultura non è un cartellone e Ballarò Buskers non è un evento ma sono il frutto di un percorso che ci sta consentendo di pensare diversamente come vivere la nostra città. La cultura è il punto di partenza per un vero cambiamento. Tutto questo ha reso Palermo polo di attrazione tra i più importanti d'Italia». Con queste parole l'assessore comunale alla Cultura Andrea Cusumano ha cercato di restituire un senso autentico alla terza edizione Festival internazionale di circo contemporaneo e arti di strada che si terrà il 19, 20 e 21 ottobre al Mercato storico di Ballarò. 

Quest'anno il festival è inserito all'interno proprio della programmazione di Palermo Capitale della Cultura. Tra le strette vie e le piazze colorate di una zona del centro storico in piena rinascita si terrà la tre giorni all'insegna delle arti circensi, della musica, della poesia, del teatro, dei laboratori per bambini, ma anche dell'artigianato a cura di Alab, dell'editoria e delle feste. Ad ospitare 87 artisti tra bande, gruppi musicali, cantanti, attori, saltimbanchi, giocolieri, danzatori, performer e artisti, le piazze Santa Chiara, Mediterraneo, Casa Professa, Ballarò e Brunaccini, alle quali quest'anno si aggiungono salita Raffadali e piazza Carmine dove da mesi è in corso il ripristino del mercato coperto. 

Proprio in quest'ultima piazza la Rap, che supporta gli organizzatori nelle varie attività, ha fatto negli ultimi giorni un lavoro di bonifica che ha consentito agli organizzatori di allestire i preparativi per ospitare le performance del festival. «Siamo qui a supportarvi - dice l'ingegnere Cutrone della Rap - ma è un pretesto per dire che siamo accanto a Ballarò. Cercare di tenere pulito il mercato. Su questi quartieri sarà avviato il porta a porta fin dalla prossima settimana con l'avvio della raccolta differenziata».

«Il mercato c'è e ha voglia di esserci - dice il presidente della Prima Circoscrizione Massimo Castiglia -. Non è stato semplice ma l'idea di trasformare Ballarò in un'isola pedonale gigante è dare l'esempio di come potrà essere questo quartiere tra venti anni». Grazie all'intervento della Rap in piazza Carmine «è stato possibile spostare lì gli spettacoli - aggiunge Castiglia - prima era una vera e propria discarica». Il presidente della prima circoscrizione ha poi fatto sapere che è pronta l'ordinanza che istituisce la «Ztl mercato storico di Ballarò entro il mese di ottobre e sarà attiva già dai primi di novembre. Assistiamo quotidianamente a centinaia di turisti che passano da qui ma oltre a loro dobbiamo riportare i palermitani a fare la spesa al mercato. Iniziamo a ragionare a una task force dei mercati storici. Questo festival non invade il territorio e se ne va ma è un festival di comunità. Per le famiglie palermitane». La Ztl sarà in vigore dalla mattina fino alle 21 di sera e poi tornerà a essere percorribile, «una Ztl dentro Ztl, i confini vanno da piazza Ballarò fino a corso Tukory e poi c'è la strada alle spalle dell'arco di Cutò».

La terza edizione di Ballarò Buskers quest'anno è gemellata con il Muja Buskers ed è stata realizzata «a braccetto con l'amministrazione comunale  - afferma Marco Sorrentino presidente dell'associazione Ballarò Buskers - e grazie a un contributo della fondazione Sant'Elia, delle associazioni, botteghe e degli abitanti del quartiere-mercato. Il logo del festival rappresenta il classico coppo usato come megafono che deve essere pieno di belle realtà artigianali, artistiche e storiche che vanno incentivate e restituite alla città».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×