Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tra sprechi e degrado l'allarme sui beni culturali in Sicilia
«C'è un sistema costruito sui custodi e non sul pubblico»

Dalla passione di due esperti nel settore, Antonio Gerbino e Francesco Santalucia, nasce Il patrimonio degli Equivoci, un libro-inchiesta che ricostruisce l’ambigua e controversa amministrazione sul patrimonio artistico da parte della Regione

Maria Vera Genchi

Foto di: Maria Vera Genchi

Foto di: Maria Vera Genchi

A quarant’anni dal trasferimento gestionale dei beni culturali dallo Stato alla Regione Siciliana, «due siciliani emozionalmente e razionalmente indignati» - così loro stessi si definiscono - decidono di mettersi a scrivere per denunciare le occasioni mancate. Sono Antonio Gerbino e Francesco Santalucia: due esperti nel settore dei beni culturali in Sicilia. Giornalista pubblicista e comunicatore museale il primo, architetto ed ex dirigente regionale dei Beni Culturali il secondo. È dall’incrocio dei loro interessi che nasce Il patrimonio degli Equivoci, il libro-inchiesta che ricostruisce l’ambigua e controversa amministrazione dei beni culturali siciliani da parte della Regione.

«Nel 2015 scoccavano i 40 anni della gestione autonoma dei Beni Culturali da parte della Regione - racconta Gerbino - i problemi però, a distanza di 40 anni, continuavano ad esserci. Nessuno ne parlava. Con Francesco abbiamo tramutato l’indignazione in ragionamento e abbiamo scritto». Una ricostruzione, capitolo per capitolo, dell’andamento delle spese regionali nei quarant’anni trascorsi dal decreto attuativo del ‘75. «Le contraddizioni e gli equivoci sono tanti - continua Gerbino - il primo riguarda l’emanazione della legge istitutiva. Doveva essere realizzata entro sei mesi dalla norma integrativa, ma di mesi ne passarono 39».

Spulciando tra bilanci e norme regionali, i due autori ricercano una coerenza di fondo nell’azione dell’amministrazione regionale, confrontando il dire e il fare, gli obiettivi dichiarati e i risultati ottenuti. «È emerso che chi ha amministrato la nostra eredità storica e culturale, la struttura fisica del nostro territorio, delle nostre città e del nostro paesaggio - ragionano Santalucia e Gerbino - ha avuto disponibilità di ingenti risorse finanziarie ma non è stato all’altezza del compito». Dall’analisi delle spese regionali destinate ai beni culturali, si evince la creazione di un vero e proprio sistema parallelo, fondato sul clientelismo, che ha visto finanziate innumerevoli iniziative, rivelatesi poi fugaci e fallimentari poiché prive di una progettualità futura. 

«Ci interessava comprendere le ragioni profonde del degrado - scrivono gli autori - Abbiamo cercato di capire perché, anziché adeguare il funzionamento del sistema alle mutate esigenze della società, si è fatto di tutto per lasciare spazio alla vecchia tentazione di sopprimere iniziative private o para-pubbliche in tutti i campi del patrimonio. Abbiamo cercato di interpretare i periodici tentativi di riordino della struttura organizzativa dell’Assessorato regionale che hanno ridotto progressivamente i suoi importantissimi organi periferici a semplici uffici ai quali è stata tolta ogni capacità ideativa e operativa».

«Il sistema esplode perché costruito in maniera auto-referenziale - continua Gerbino - ne è un esempio il museo archeologico Paolo Orsi di Siracusa: ogni giorno apre al pubblico con a turno un settore inaccessibile, quello in cui manca il custode. Un sistema costruito sui custodi e non sul pubblico non può funzionare». Tanti gli equivoci e le contraddizioni insite nella gestione dei Beni Culturali dell’Isola. «Tra le occasioni mancate - spiega Francesco Santalucia - c’è la Venere di Morgantina. Restituita dopo un lungo contenzioso tra Italia e Stati Uniti, si trova nel Museo archeologico di Aidone in un sala ristretta, dalla capienza di dieci visitatori a volta, che ne limita l’impatto visivo e il fascino». Gli autori de “Il patrimonio degli Equivoci” non si limitano però ad analizzare oggettivamente i bilanci e ad evidenziare le incongruenze: il lavoro di ricerca e analisi culmina in una serie di proposte, volte a stimolare un’inversione di rotta.

«Penso che i due autori abbiano lanciato una sfida - afferma Salvatore Cusimano, direttore della sede Rai Sicilia all’interno della quale è stato presentato il libro lo scorso 11 ottobre - per avere la coscienza in pace, come a dire: “noi ve l’abbiamo detto e faremo la nostra parte, voi? Fate la vostra!». Tra le riflessioni, degna di nota quella riguardante il sistema di reclutamento del personale tecnico-scientifico, del tutto assente. La speranza è quella di aprire le porte dando ai tanti giovani competenti un’opportunità di riscatto. «Un analisi spietata - continua Cusimano - che invita a riflettere». Alla presentazione del libro, all’auditorium Rai di Palermo, presenti insieme agli autori: Gioacchino Barbera, ex direttore della Galleria Regionale Palazzo Abatellis; Sergio Troisi, curatore e giornalista; Pietro Vento, direttore di DEMOPOLIS e la giornalista del Tgr Sicilia Agnese Licata, coordinatrice della serata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×